1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, il calo del Ftse Mib è di oltre l’1,5%. Vendite sulle banche

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in ribasso, affossata dalle vendite che hanno colpito soprattutto il comparto bancario. A pesare l’undicesima contrazione mensile consecutiva dell’attività manifatturiera cinese. A settembre l’indice Pmi è sceso a 47,8 punti dai precedenti 48,2 punti, confermandosi sotto la soglia dei 50 punti e fornendo un’ulteriore prova che l’economia di Pechino sta risentendo della crisi della zona euro. In Europa cala il costo del debito spagnolo sui titoli a lunga scadenza. Il Tesoro di Madrid ha collocato 4,8 miliardi di euro di bond a 3 e 10 anni. Il rendimento del decennale è sceso al 5,66 per cento dal 6,647 per cento, mentre il triennale è stato venduto al 3,854 per cento. La domanda per i titoli a 10 anni ha superato per 2,8 volte il quantitativo offerto. Nel pomeriggio i dati Usa non sono stati capaci di invertire la rotta: i sussidi alla disoccupazione si sono attestati a 382 mila unità, peggio del consensus che indicava 370 mila, mentre il superindice di agosto è calato dello 0,1% (in linea con le attese). In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,68% a 15.830 punti.

Vendite sostenute sul comparto bancario: Monte dei Paschi ha ceduto il 5,32% a 0,235 euro, Popolare di Milano il 4,10% a 0,43 euro, Banco Popolare il 4,37% a 1,203 euro, Ubi Banca il 2,17% a 3,068 euro, Intesa SanPaolo il 3,39% a 1,225 euro, Unicredit il 3,11% a 3,432 euro. Mediobanca (-3,55% a 4,076 euro), che in mattinata viaggiava in testa al Ftse Mib, ha virato al ribasso in scia all’uscita dei conti dell’esercizio 2011-2012. Pirelli ha lasciato sul parterre il 3,20% a 8,935 euro pagando la bocciatura da parte di Citigroup. La banca d’affari statunitense ha ridotto il giudizio sulla società degli pneumatici a neutral dal precedente buy. Ancora debole Mediaset (-2,10% a 1,682 euro), mentre Fiat ha ceduto il 2,32% a 4,542 euro. Enel (invariata a 2,98 euro) ha limitato i danni con Societe Generale che ha avviato la copertura sul titolo del colosso elettrico con rating buy e target price a 3,5 euro. La maglia rosa di giornata l’ha indossata Lottomatica con un rialzo del 2,04% a 17,04 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

WALL STREET

Borse Usa partono deboli, l’outlook spinge Big Lots

Dopo aver aggiornato i massimi storici, Wall Street parte debole in vista del weekend lungo a causa del Memorial Day (lunedì prossimo mercati chiusi). Nei primi scambi il Dow Jones segna un rosso dello 0,07% mentre S&P500 e Nasdaq scendono entrambi d…

MERCATI

Banche e oil continuano a penalizzare le borse europee

Rosso di mezzo punto percentuale per l’indice Stoxx 600, penalizzato dalle vendite che stanno colpendo il comparto bancario (-1,31% per l’indice di riferimento), gli energetici (-1,16%) e l’automotive (-0,99%).

All’indomani del meeting dell’Opec …