1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo, vola Mps. Rimbalza Fiat

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in territorio positivo, aumentando i guadagni dopo l’avvio di Wall Street. Nei primi scambi di seduta il listino milanese aveva beneficiato del rialzo di Tokyo, dove l’indice Nikkei si è attestato ai massimi da circa otto mesi dopo la vittoria dei liberaldemocratici nelle elezioni anticipate di ieri. Il mercato scommette infatti su nuovi stimoli fiscali all’economia giapponese. I prossimi giorni saranno caldissimi sul fronte politico italiano: entro domani la Legge di Stabilità sarà votata da Palazzo Madama e poi passerà alla Camera per il via libera definitivo. Venerdì potrebbe essere il giorno per le dimissioni di Mario Monti, mentre la prossima settimana il presidente Napolitano dovrebbe sciogliere le Camere. Draghi, intervenuto al Parlamento Ue, ha dichiarato che l’economia resterà debole con una ripresa graduale a fine anno. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,61% a 16.004 punti.

Monte dei Paschi grande protagonista di giornata. Il titolo della banca senese ha indossato la maglia rosa sul Ftse Mib con un balzo del 6,09% a 0,216 euro dopo aver ricevuto il via libera dalla Commissione Europea all’emissione dei Monti Bond per 3,9 miliardi di euro. Positivi anche gli altri titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha guadagnato il 2,60% a 1,182 euro, Popolare di Milano l’1,39% a 0,436 euro, Mediobanca il 2,28% a 4,39 euro, Ubi Banca l’1,76% a 3,246 euro, Intesa SanPaolo lo 0,63% a 1,284 euro, Unicredit lo 0,28% a 3,57 euro. Rimbalzo di Fiat (+3,36% a 3,752 euro) dopo la performance negativa di venerdì scorso. Generali ha guadagnato lo 0,76% a 13,33 euro dopo che venerdì il Cda ha approvato il nuovo assetto delle attività assicurative in Italia e un piano di investimenti di circa 300 milioni di euro nei prossimi tre anni. Eni (+0,38% a 18,25 euro) è finita sotto i riflettori dopo aver annunciato un piano di investimenti in Libia per 8 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni. Tra i peggiori di giornata da segnalare le performance di Telecom Italia, che ha lasciato sul parterre l’1,13% a 0,698 euro, e Autogrill, che ha ceduto lo 0,66% a 8,30 euro.