1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo, rally delle popolari su rumors M&A

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in rialzo ma ben sotto i massimi di seduta, perdendo parte dei guadagni nell’ultima parte di giornata in scia alla debolezza di Wall Street e al fallito tentativo di rimbalzo del petrolio. L’indice Ftse Mib ha chiuso la seduta con un progresso dello 0,85% a 20.139 punti.
Banche popolari premiate oggi a Piazza Affari con i nuovi rumors sul fronte M&A che hanno scaldato i titoli: Banco Popolare ha guadagnato il 4,21% a 11,63 euro, Popolare di Milano il 5,6% a 0,895 euro, Popolare dell’Emilia Romagna +3,05%, Ubi Banca +2,32%. Le ultime indiscrezioni di stampa vedono il Banco Popolare in netto vantaggio per un’integrazione con Bpm con i dettagli della struttura dell’operazione che potrebbero andare al vaglio dei due Cda già nella prima parte di febbraio. Sullo sfondo rimane comunque il forte interesse di Ubi Banca. Positiva anche Mps (+1,88%) dopo il lunedì nero e un martedì ad altissima volatilità. Chi ha tirato il freno è stato il settore del lusso dopo la brillante performance di ieri: Moncler ha perso il 2,7%, Salvatore Ferragamo l’1,41% e Tod’s il 2,37%.
Ancora debole A2A (-1,10%) dopo lo scivolone di ieri. I soci di Linea Group Holding (Lgh) hanno accettato l’offerta della multiutility lombarda, finalizzata alla realizzazione di una partnership industriale che prevede l’ingresso di A2A nel capitale di Lgh con una quota pari al 51%. Il percorso è iniziato lo scorso giugno, con la sottoscrizione di una lettera di intenti. Linea Group è la multiutility controllata indirettamente dai comuni di Cremona, Crema, Lodi, Pavia e Rovato. Terna ha invece sofferto, lasciando sul parterre l’1,03%, in scia alla bocciatura a selle arrivata questa mattina dagli analisti di Ubs.