1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo, positive le banche. Brillante Mediolanum

QUOTAZIONI Tod's
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in rialzo una seduta che ha visto una nuova tornata positiva di emissioni di Bot. Il Tesoro ha collocato 7,5 miliardi di euro di Bot a 6 mesi con un rendimento dello 0,504%, in lieve aumento rispetto al precedente 0,455% che rappresenta il livello minimo dall’introduzione dell’euro. Si tratta comunque di un valore quasi dimezzato rispetto allo 0,82% dell’ultima asta del 2013. Negli Stati Uniti, dove gli indici di Wall Street proseguono debolmente, la lettura finale del Pil del quarto trimestre ha mostrato una crescita del 2,6% contro il +2,4% precedente. Gli analisti avevano pronosticato una crescita del 2,7%. In Ucraina il Fondo monetario ha raggiunto un’intesa con le autorità locali per prestiti tra 14 e 18 miliardi di dollari. Il totale degli aiuti internazionali raggiungerà i 27 miliardi nei prossimi due anni. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso con un rialzo dello 0,31% a 21.173 punti.

Nel comparto bancario è finito sotto i riflettori il Montepaschi (+1,12% a 0,242 euro) dopo che la Fondazione Mps ha fatto sapere di aver venduto ancora ed essere così scesa al 12% della banca senese. Nel resto del comparto bancario gli acquisti hanno premiato Banco Popolare (+0,47% a 16,83 euro), Intesa SanPaolo (+1,13% a 2,32 euro), Mediobanca (+1,15% a 7,91 euro), Ubi Banca (+1,95% a 6,51 euro) e Unicredit (+0,62% a 6,48 euro). Mediolanum ha proseguito il rally con un rialzo del 3,24% a 6,84 euro. Anche ieri il titolo aveva beneficiato dei conti del 2013, chiuso con un utile netto in calo del 4% a 336,6 milioni di euro. L’utile pre imposte è invece salito del 9% a 544,1 milioni, raggiungendo il miglior risultato nella storia della società. Dopo la buona performance di ieri oggi le prese di beneficio hanno prevalso sui titoli del lusso: Tod’s è arretrata dell’1,84% a 93,35 euro, Yoox del 2,81% a 25,51 euro e Salvatore Ferragamo dello 0,93% a 21,24 euro. Eni (-0,27% a 17,90 euro) e Enel (+0,19% a 4,064 euro) sono finite sotto i riflettori. Oggi la Consob ha infatti fatto sapere che la People’s Bank of China detiene il 2,102% del colosso petrolifero e il 2,071% del gruppo elettrico.