1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo, pioggia di acquisti sul lusso. Male A2A

QUOTAZIONI Moncler
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in rialzo con Wall Street che si muove positiva in scia all’inversione di rotta del petrolio, che questa mattina aveva aggiornato i minimi dal 2004. Questa notte grande attesa per il discorso del presidente americano Barack Obama sullo stato dell’Unione, mentre domani sera la Federal Reserve pubblicherà il Beige Book. Questa mattina la Borsa cinese si è ripresa dopo il tonfo di ieri, mentre a Tokyo il Nikkei ha perso oltre il 2,5% finendo sui minimi da quasi un anno. Il listino milanese è stato sostenuto dalla pioggia di acquisti sul settore del lusso, che la scorsa settimana aveva pagato le turbolenze cinesi. Questa mattina i tre maggiori istituti europei di statistica hanno pubblicato l’Eurozone economic outlook in cui emerge che la ripresa dell’Eurozona procede, ma non mancano i rischi al ribasso. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso con un rialzo dell’1,08% a 19.970 punti.

Ondata di acquisti sui titoli del settore del lusso, che la scorsa settimana avevano sofferto in scia alle turbolenze arrivate dalla Cina: Salvatore Ferragamo ha guadagnato il 6,73% a 22,02 euro, Moncler il 7% a 13,44 euro, Luxottica il 4,52% a 58,85 euro. Questa mattina gli analisti di Citigroup hanno annunciato un avvio di copertura sul titolo Ferragamo con rating buy e target price fissato a 27 euro. Seduta estremamente volatile per Mps dopo il tracollo di ieri. In mattinata l’azione di Rocca Salimbeni era stata ancora affossata dalle vendite e aveva toccato i nuovi minimi storici a 0,887 euro. Dopo i minimi il titolo ha iniziato il rimbalzo per chiudere la seduta con un progresso dello 0,32% a 0,928 euro. Tra le altre banche gli acquisti hanno premiato Banco Popolare (+2,47% a 11,19 euro), Popolare di Milano (+2,47% a 0,848 euro) e Intesa SanPaolo (+1,88% a 2,912 euro).

Brillante FCA (+3,07% a 7,55 euro) all’indomani delle dichiarazioni di Sergio Marchionne al Salone di Detroit. L’Ad del gruppo automobilistico ha svelato che il Lingotto nel 2015 ha conseguito un risultato eccezionale nonostante condizioni del mercato che restano difficili. Marchionne ha inoltre definito fattibili i target per il 2018, che sono ora più vicini dopo i risultati dello scorso anno. Ben comprata anche Ferrari (+3,28% a 40,61 euro), che si è riportata sopra la soglia dei 40 euro dopo le ultime deludenti performance. Nel settore oil su di giri Saipem (+4,40% a 7,105 euro), mentre la maglia nera è stata indossata da A2A (-5,16% a 1,176 euro). Il titolo della multiutility è rimasto pressione nel giorno in cui scade l’offerta di un progetto di partnership industriale avanzata a Linea Group Holding (Lgh), gruppo attivo nelle province di Lodi, Cremona, Brescia e Pavia.