1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo, focus su Mps e Unicredit

QUOTAZIONI Mediaset S.P.A
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha interrotto la striscia negativa ma tra gli investitori resta la cautela, come dimostra il debole andamento di Wall Street in scia alle vendite che stanno colpendo il petrolio in attesa della conclusione del vertice di Algeri tra i maggiori produttori. Già ieri l’Iran aveva rifiutato un accordo per un tetto alla produzione di petrolio per sostenere le quotazioni. Gli investitori hanno ricevuto pochi indizi dalle parole di oggi pomeriggio di Janet Yellen sulle prossime mosse di politica monetaria della Federal Reserve. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso la seduta con un rialzo dello 0,54% a 16.222 punti.

Sotto i riflettori le banche, in particolare Mps (-0,41% a 0,193 euro) e Unicredit (+1,57% a 2,064 euro). Per quanto riguarda Mps sta prendendo forma il piano di Marco Morelli, che sarà annunciato ufficialmente al mercato il prossimo 24 ottobre. Il punto principale sarà la conversione volontaria delle obbligazioni subordinate, che permetterà alla banca di ridurre l’importo dell’aumento di capitale rispetto ai 5 miliardi di euro previsti dall’ex Ceo Fabrizio Viola. Unicredit alzerà il velo sul nuovo piano strategico il prossimo 13 dicembre a Londra, durante il Capital Market Day. L’ad della banca di piazza Gae Aulenti, Jean Pierre Mustier, e la sua squadra di vertice stanno lavorando sulle linee guide del piano industriale. L’entità della ricapitalizzazione dipenderà dalle cessioni e dall’esito della vendita di un pacchetto di sofferenze.

Tra le banche gli acquisti hanno premiato anche Banco Popolare (+1,32% a 1,994 euro) e Ubi Banca (+0,88% a 2,052 euro). Bene Mediaset (+2,25% a 2,82 euro) con il mercato che spera ancora in un accordo in extremis tra il gruppo di Cologno e Vivendi su Mediaset Premium. La società francese, secondo le indiscrezioni delle ultime settimane, sarebbe favorevole a trovare un’intesa che permetta ad entrambi i gruppi di non consolidare a bilancio la pay-tv. Secondo gli analisti di Mediobanca un accordo sarebbe nell’interesse sia di Mediaset che di Vivendi, anche se è difficile che venga trovata un’intesa nel breve termine. Debole Saipem (-0,37% a 0,347 euro) con gli analisti di Keplet Cheuvreux che hanno rivisto al ribasso le previsioni su ricavi dell’E&C Offshore.