1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo dopo discorso Yellen, bene il settore oil

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in rialzo aumentando i guadagni dopo le parole di Janet Yellen a Jackson Hole, il simposio dei banchieri centrali nel Wyoming. La numero uno della Federal reserve, sottolineando il miglioramento del contesto economico statunitense, ha fatto capire che la possibilità di un rialzo dei tassi d’interesse è aumentata negli ultimi mesi. Restano quindi aperte le ipotesi di un rialzo già a settembre, anche se la Fed potrebbe essere frenata dal clima pre-elettorale in vista delle elezioni di novembre. Janet Yellen ha inoltre dichiarato che il target d’inflazione al 2% sarà centrato nei prossimi anni. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso dello 0,80% a 16.843 punti.

Nel comparto bancario gli acquisti hanno premiato Popolare dell’Emilia Romagna (+0,94% a 3,434 euro), Intesa SanPaolo (+1,67% a 2,014 euro) e Unicredit (+0,55% a 2,186 euro). In controtendenza il Banco Popolare che ha perso l’1,19% a 2,166 euro. Seduta positiva per il settore oil in scia al deciso rialzo delle quotazioni del petrolio: Eni è avanzata dell’1,95% a 13,61 euro, Saipem dell’1,79% a 0,416 euro e Tenaris dell’1,19% a 12,72 euro. Ben comprata anche Enel (+0,66% a 3,978 euro) con gli analisti di Banca Imi che hanno alzato il giudizio sul titolo del colosso elettrico a add dal precedente hold.

Fase di stallo nelle trattative tra FCA (+0,49% a 6,165 euro) e Samsung per la cessione di Magneti Marelli. I rumors dell’interesse del colosso coreano per Magneti Marelli erano emersi ad inizio agosto, ma le trattative sarebbero ferme da un paio di settimane perchè FCA valuterebbe il 100% della controllata oltre 3 miliardi di dollari, mentre Samsung sarebbe disposta a sborsare circa 1 miliardo solo per alcuni asset di Marelli (lighting, entertainment e telematics). Le trattative potrebbero però subire un’accelerata lunedì quando si riunirà il Consiglio di amministrazione di Exor. Secondo il quotidiano coreano Maeil Business Newspaper il vicepresidente di Samsung, Lee Yae Yong, sarà presente al board della holding della famiglia Agnelli, di cui è anche consigliere.

Scontro totale tra Mediaset (-0,49% a 2,842 euro) e Vivendi sulla partita Mediaset Premium. Le due hanno mosso pesanti accuse reciproche in un botta e risposta secco, che ha lacerato ancora di più lo strappo tra le due, lasciando poco spazio all’ipotesi di un proseguimento del vecchio accordo, quello stretto lo scorso 8 aprile, sul riassetto della pay-tv.