Piazza Affari chiude in rialzo, bene le banche. Vola Mps. Tonica Fiat

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 01/07/2014 - 17:41
Quotazione: A2A
Quotazione: ENEL
Quotazione: FCA CHRYSLER
Piazza Affari ha chiuso in rialzo accelerando nel finale in scia all'andamento positivo di Wall Street. I listini azionari hanno ignorato i dati macroeconomici in chiaroscuro usciti oggi. La lettura finale dell'indice Pmi manifatturiero di giugno nell'Eurozona si è attestato a 51,8 punti, lievemente sotto le attese degli analisti. Negli Stati Uniti invece l'Ism manifatturiero di giugno è risultato pari a 55,3 punti, deludendo lievemente le previsioni degli esperti. Si tratta comunque del tredicesimo mese consecutivo che l'Ism si attesta sopra la soglia psicologica dei 50 punti. In mattinata il Pmi cinese di giugno è salito a 51 punti, in linea con le attese del mercato. Gli investitori sono concentrati sulla seduta di giovedì quando si riunirà il board della Bce e saranno pubblicati i dati sul mercato del lavoro americano. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso dell'1,32% a 21.563 punti.

Gli acquisti hanno premiato i titoli del comparto bancario. Brillante il Montepaschi (+8,55% a 1,536 euro) dopo aver venduto in poche ore tutto l'inoptato del maxi aumento di capitale da 5 miliardi di euro, pari allo 0,15% delle nuove azioni. Molto bene anche gli altri titoli del settore: Banco Popolare ha guadagnato il 3,49% a 12,45 euro, Popolare dell'Emilia Romagna il 3,86% a 6,855 euro, Popolare di Milano lo 0,83% a 0,66 euro, Intesa SanPaolo il 2,92% a 2,322 euro, Ubi Banca il 4,66% a 6,615 euro, Unicredit il 2,45% a 6,265 euro. Tonica Fiat (+3,32% a 7,45 euro) sostenuta già dai primi scambi dalle dichiarazioni di Sergio Marchionne che vede un secondo trimestre in miglioramento rispetto ai primi tre mesi del 2014 grazie soprattutto ai risultati in Nord America. Nel pomeriggio Chrysler ha fatto sapere di aver venduto a giugno negli Stati Uniti 171.086 autovetture, in aumento del 9% rispetto alle 156.686 unità dello stesso periodo dello scorso anno. Tra i migliori di seduta anche STM, che ha mostrato un progresso del 4,19% a 6,825 euro, mentre Enel ha continuato a correre con un guadagno dell'1,41% a 4,314 euro. A2A ha strappato un rialzo dello 0,71% a 0,848 euro dopo che ieri è scaduto il termine per il collocamento del 5,1% della multiutility da parte dei Comuni azionisti.
COMMENTA LA NOTIZIA
Superspazzola scrive...
giocar46 scrive...
giocar46 scrive...
 

A2A

A2a