1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo, bene finanziari e Mediaset. Tonfo di Ferragamo

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in rialzo con il mercato focalizzato sulle prossime scelte delle Banche centrali. La Bank of Japan La Banca centrale giapponese si riunirà il prossimo 30 ottobre e potrebbe mettere in campo nuove misure per sostenere l’inflazione e ed evitare una caduta in recessione. Quest’attesa ha trascinato la Borsa di Tokyo con il Nikkei che ha chiuso con un rialzo di oltre 1 punto percentuale. In Europa sono sempre più banche d’affari che prevedono un potenziamento del quantitative easing da parte della Bce, che si riunirà giovedì 22 ottobre. Attese che si fanno sentire sul mercato obbligazionario dove lo spread Btp-Bund è sceso in area 105 punti base, ai minimi da aprile, con il rendimento del Btp decennale che si attesta sotto quota 1,60%. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso l’ultima seduta della settimana con un rialzo dello 0,54% a 22.337 punti.

Brillante Mediaset (+3,96% a 4,558 euro) in scia alla promozione arrivata questa mattina da Equita. Gli analisti hanno alzato il giudizio sul titolo del gruppo di Cologno Monzese a buy dal precedente hold portando il target price a 5,1 euro da 4,5 euro. La decisione di Equita si basa principalmente sulla ripresa dei consumi e della pubblicità in Italia. Il titolo del Biscione aveva sofferto la scorsa settimana quando nelle sale operative era emersa una certa delusione circa i dati sulla crescita degli abbonati nel terzo trimestre della pay-tv Mediaset Premium. Tra le banche gli acquisti hanno premiato soprattutto Banco Popolare (+1,22% a 14,01 euro), Intesa SanPaolo (+1,49% a 3,256 euro) e Ubi Banca (+1,97% a 6,98 euro). Restando nel comprato finanziario da segnalare le convincenti performance di Unipol (+4% a 4,42 euro) e Mediolanum (+2,75% a 7,095 euro).

A2A (+0,81% a 1,23 euro) sui massimi dal giugno 2010 dopo l’annuncio del term sheet con il governo del Montenegro che guideranno la stesura nei prossimi due mesi dei nuovi accordi per la gestione della società energetica Epcg. Positiva FCA (+0,63% a 14,27 euro) dopo aver sovraperformato per il nono mese consecutivo il mercato europeo dell’auto. A settembre il Lingotto ha venduto nel Vecchio Continente 79.700 auto, in aumento del 15,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A sostenere il titolo anche le buone indicazioni emerse durante il road show per la quotazione di Ferrari a Wall Street. In rosso Prysmian (-0,73% a 18,86 euro) in scia alla debolezza dei conti della rivale Nexans, mentre vendite sostenute si sono abbattute su Ferragamo (-5,49% a 23,75 euro): dopo i conti inferiori alle attese di Burberry oggi nel comparto del lusso è emerso il profit warning di Hugo Boss.