Piazza Affari chiude in rialzo, attesa per esito elezioni di mid term e Fed -2-

Inviato da Redazione il Mar, 02/11/2010 - 17:45
Sono invece finite in rosso Banco Popolare (-1,06% a 3,73 euro) e Monte dei Paschi (-1,25% a 0,984 euro), le due banche più penalizzate in Borsa da quando l'istituto scaligero ha varato un aumento di capitale da 2 miliardi di euro. Nuova raffica di vendite su Fondiaria-Sai (-4,14% a 7,76 euro), crollata per il secondo giorno consecutivo sul fondo del listino. Sin dall'annuncio dell'accordo arrivato venerdì scorso dell'ingresso di Groupama in Premafin, finalizzato al reperimento di risorse finanziarie necessarie per il rafforzamento patrimoniale della società e della controllata Fondiaria Sai, sul mercato sono partite le scommesse di una ricapitalizzazione anche della compagnia assicurativa. Finmeccanica ha strappato un +0,55% a 10 euro. Secondo indiscrezioni di stampa, il Governo italiano starebbe per firmare un ordine per 22 elicotteri AgustaWestland del valore di circa 1,2 miliardi di euro più un ordine per siluri di 87 milioni. Se le voci venissero confermate "si tratterebbe di circa il 5,5% dell'obiettivo di raccolta ordini 2010 di Finmeccanica. Il target è di circa 22 miliardi di euro, ma riteniamo più ragionevole il raggiungimento di circa 20 miliardi", sottolineano gli analisti di Equita.

L'onda lunga della crisi si fa sentire ancora sul Lingotto. In un mercato italiano dell'auto a ottobre in forte contrazione, Fiat perderà molto più della media. Dopo il warning lanciato domenica, Federauto ha messo a fuoco indicazioni che fotografano per il gruppo auto di Torino, inteso come Fiat, Alfa e Lancia, ad ottobre un calo delle vendite del 39,5%, ben oltre il -29% dell'intero mercato. "I dati ufficiali saranno pubblicati stasera. Si tratterebbe di numeri più deboli rispetto alle attese, ma che riteniamo siano già incorporati nella guidance 2010 annunciata il 21 ottobre", rassicurano gli analisti di Equita, che ribadiscono su Fiat il consiglio di acquisto fino a un target di 16,7 euro. Alle 18 il ministero dei Trasporti ufficializzerà la situazione delle auto immatricolate in Italia. Nell'attesa, il titolo del Lingotto ha lasciato sul parterre l'1,66% a 11,85 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA