1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in rialzo, acquisti su lusso e finanziari

QUOTAZIONI Moncler
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in rialzo rialzandosi dopo la deludente performance di ieri e indossando la maglia rosa tra le principali Borse europee. Il listino milanese, che ha snobbato la debolezza di Wall Street, è stato trainato dal lusso e dai finanziari. Negli Stati Uniti pesa ancora l’attesa per il primo rialzo dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve, che appare ormai certo dopo gli ottimi dati usciti venerdì scorso sul mercato del lavoro americano. Nell’Eurozona è tornata a far parlare di sé la Grecia, con l’Eurogruppo che non ha ancora sbloccato la tranche di aiuti da 2 miliardi di euro chiedendo sforzi maggiori ad Atene nell’attuare il piano di riforme. Questa mattina è arrivata la conferma delle pressioni deflazionistiche in Cina, dove l’inflazione a ottobre è aumentato dell’1,3% contro attese che indicavano un +1,5%. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha guadagnato l’1,52% a 22.444 punti.

Gli acquisti sono tornati a premiare i titoli del comparto bancario: Popolare di Milano ha guadagnato l’1,73% a 0,849 euro, Intesa SanPaolo l’1,60% a 3,168 euro, Unicredit l’1,45% a 5,92 euro. In controtendenza il Montepaschi che ha lasciato sul parterre l’1,83% a 1,549 euro. Bene Exor (+2,06% a 45,38 euro) che ha chiuso i primi nove mesi del 2015 con un utile consolidato di 611 milioni di euro, un dato che si raffronta con i profitti di 142 milioni conseguiti nell’analogo periodo nel 2014. Al 30 settembre 2015 il Net Asset Value (NAV) di Exor si è attestato a 11,13 miliardi di euro mostrando un rispetto ai 10,16 miliardi di un anno fa. Tra le migliori performance sull’indice Ftse Mib da segnalare Finmeccanica e Campari che hanno guadagnato rispettivamente il 3,47% a 12,50 euro e il 3,99% a 7,95 euro.

Comparto del lusso ben comparto dopo i conti di Moncler (+3,36% a 15,99 euro) che ha chiuso i primi nove mesi del 2015 con ricavi consolidati per 561,5 milioni, +25% rispetto a un anno prima, e un utile netto di 92,7 milioni, +31% se confrontato con il pari periodo 2014. Per l’esercizio in corso il management di Moncler “prevede uno scenario di crescita del fatturato e degli utili, continuando l’espansione nei mercati internazionali, attraverso lo sviluppo del canale retail ed il consolidamento selettivo del canale wholesale”. Acquisti anche sugli altri titoli del comparto: Luxottica ha guadagnato il 2,82% a 63,65 euro, mentre Tod’s è avanzata del 2,70% a 79,80 euro.