1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in profondo rosso, Ftse Mib cede il 4,5%. Brilla solo Bpm -2-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tra i titoli più colpiti da segnalare Saipem (-8,22% a 26,78 euro), Tenaris (-8,87% a 9,55 euro), Pirelli (-8,27% a 5,10 euro) e Mediaset (-6,98% a 2,184 euro). Male anche i principali colossi pubblici: Eni ha lasciato sul parterre il 5,28% a 12,20 euro, Enel è arretrata del 5,10% a 2,90 euro nonostante lo scampato downgrade da parte di Standard & Poor´s, che ha ribadito i giudizi “A-” sul lungo termine e “A-2” sul breve ma ha confermato l’outlook negativo. Brillante la Popolare di Milano (+4,88% a 1,29 euro). Martedì prossimo il Consiglio di amministrazione dell’istituto di piazza Meda dovrebbe deliberare la nuova governance che vedrebbe una maggiore separazione tra proprietà (ovvero i soci dipendenti) e gestione (verrebbe introdotta la figura dell’amministrazione delegato). Il prossimo Cda, inoltre, dovrebbe decidere anche l’ammontare definitivo dell’aumento di capitale fino a 1,2 miliardi di euro. In territorio negativo il resto del comparto bancario: Intesa SanPaolo (-1,50% a 0,952 euro), Unicredit (-6,27% a 0,65 euro), Monte dei Paschi (-5,96% a 0,371 euro), Ubi Banca (-4,10% a 2,386 euro) e Banco Popolare (-2,46% a 1,15 euro). Ancora vendite su Fiat Spa che ieri aveva lasciato sul parterre oltre 6 punti percentuali. Il titolo del Lingotto ha archiviato la seduta odierna con un -4,55% a 3,856 euro.