Piazza Affari chiude in netto ribasso, raffica di vendite sul comparto finanziario -1-

Inviato da Alberto Bolis il Lun, 10/01/2011 - 17:41
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in deciso ribasso, penalizzata soprattutto dalla performance negativa del comparto finanziario. Fin dalle prime battute i listini del Vecchio Continente sono scivolati in rosso con il riaffacciarsi dei timori legati alla crisi debitoria della Periferia europea. L'attenzione degli investitori si è concentrata soprattutto sul Portogallo. Secondo indiscrezioni di stampa, Francia e Germania avrebbero messo a punto un piano per convincere il Portogallo a chiedere gli aiuti del fondo di emergenza europeo. A risollevare i listini non sono bastate le smentite del ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, e le parole di Trichet, secondo cui la ripresa dell'economia mondiale è andata meglio del previsto. E così a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto il 2,36% a 20.058 punti (minimo intraday), mentre il Ftse All Share è arretrato del 2,21% a quota 20.827.

E sono ancora i titoli del settore finanziario i più penalizzati dalla crisi debitoria della Periferia europea. Intesa SanPaolo ha ceduto il 5,69% a 1,891 euro (minimi da marzo 2009), Monte dei Paschi il 4,40% a 0,793 euro, Popolare di Milano il 4,87% a 2,492 euro, Ubi Banca il 4,85% a 6,27 euro, Banco Popolare il 4,14% a 3,18 euro, UniCredit il 3,66% a 1,474 euro. Non si sono salvati gli assicurativi: Fondiaria-Sai è scivolata sul fondo del paniere principale con un tonfo del 7,49% a 5,80 euro, mentre Generali ha lasciato sul parterre il 3,02% a 13,81 euro. Profondo rosso anche per Lottomatica che ha archiviato la seduta con un -5,20% a 8,92 euro. Secondo un analista contattato da Finanza.com, sul titolo sono scattati "gli stop loss quando è arrivato a 9 euro. I volumi non giustificano nulla di che e non sono uscite nemmeno news significative". Campari ha invece perso il 2,73% a 4,81 euro, affossata dal downgrade di Ubs che adesso consiglia di vendere (sell) il titolo del gruppo milanese del beverage.
COMMENTA LA NOTIZIA