1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in moderato ribasso l’ultima seduta della settimana -1-

QUOTAZIONI Banco Bpm
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in ribasso l’ultima seduta della settimana. Ben Bernanke ha confermato che la Federal Reserve è pronta a fornire ulteriore supporto all’economia perché l’inflazione è troppo bassa e il tasso di disoccupazione troppo elevato. Una posizione certificata dagli ultimi dati sui prezzi al consumo: nel mese di settembre sono cresciuti dello 0,1% contro attese che indicavano un incremento dello 0,2%. Gli altri dati Usa del pomeriggio hanno mostrato una crescita dello 0,6% delle vendite al dettaglio di settembre, mentre la fiducia dei consumatori americani, calcolata dall’Università del Michigan, è scesa oltre le attese a 67,9 punti. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto lo 0,15% a 21.062 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dello 0,19% a quota 21.654.

Vendite diffuse su Telecom Italia (-1,68% a 1,052 euro, peggior titolo del Ftse Mib), dopo il balzo di ieri legato all’accordo in Argentina, e su Finmeccanica (-0,83% a 9,01 euro) che ha pagato il taglio del prezzo obiettivo da parte di Goldman Sachs a 8,5 da 9 euro. Gli analisti della banca americana hanno confermato il giudizio sell sull’azione del gruppo della Difesa. Contrastato il comparto bancario: Banco Popolare (-1,47% a 4,20 euro) ancora sotto pressione dopo le voci della scorsa settimana di un possibile aumento di capitale o la cessione di asset core. Male anche Unicredit che ha lasciato sul parterre lo 0,48% a 1,857 euro, mentre Intesa SanPaolo ha guadagnato lo 0,40% a 2,52 euro, Ubi Banca l’1,59% a 7,67 euro, Monte dei Paschi lo 0,68% a 1,03 euro, Popolare di Milano lo 0,58% a 3,49 euro.