Piazza Affari chiude in moderato ribasso, segno più per le borse europee

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 28/11/2012 - 08:49
La Borsa di Milano ha chiuso in moderato ribasso non capitalizzando l'accordo raggiunto nella notte dall'Eurogruppo sugli aiuti alla Grecia. Il listino milanese ha virato in negativo dopo gli avvertimenti dell'Ocse, secondo cui in Italia la recessione sarà più severa di quanto previsto dal Governo e la mancata discesa del deficit di bilancio porterà all'emergere quindi della necessità di una nuova manovra tra 2 anni. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,26% a 15.479 punti. Telecom Italia è scivolata sul fondo del paniere principale con un ribasso del 3,23% a 0,673 euro. Dopo una mattinata brillante Mediaset ha virato in negativo arrivando a cedere l'1,47% a 1,273 euro. Debole il comparto bancario: Unicredit ha ceduto lo 0,28% a 3,51 euro, Ubi Banca lo 0,07% a 2,79 euro, Popolare di Milano lo 0,16% a 0,382 euro, Monte dei Paschi lo 0,25% a 0,201 euro. In controtendenza il Banco Popolare che ha mostrato un rialzo dello 0,44% a 1,133 euro. Bene anche A2A (+1,60% a 0,413 euro) e STM (+2,14% a 4,67 euro).

Chiusura sopra la parità per gli altri indici europei. Il tedesco Dax ha terminato in rialzo di oltre mezzo punto percentuale (+0,55%) portandosi a 7.332,33 punti, +0,22% per il londinese Ftse100 che si è fermato a ridosso dei 5.800 punti (5.799,71) e parità (+0,03%) per il Cac40 a 3.502,13. L'unico segno meno è quello dell'Ibex, che ha lasciato sul parterre lo 0,14% a 7.863,7 punti.
COMMENTA LA NOTIZIA