1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in moderato ribasso, male il settore assicurativo -2-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Generali ha ceduto il 2% a 14,72 euro. Secondo indiscrezioni di stampa, il Leone di Trieste punta quest’anno ad utile di circa 1,6 miliardi di euro “inferiore dell’8% alla nostra stima di 1,7 miliardi di euro”, hanno scritto gli analisti di Intermonte. Il budget 2011 punterebbe invece ad un utile in crescita (stima Intermonte a 2,1 miliardi di euro). “Le indicazioni di stampa, se confermate, sono negative e ci porterebbero a rivedere le stime al ribasso”, afferma Intermonte che mantiene la raccomandazione sul titolo della compagnia assicurativa con target price a 17 euro. Generali ha subito provato a scansare i dubbi attraverso un comunicato stampa. “In merito alle indiscrezioni di stampa pubblicate oggi, Generali precisa che il risultato operativo, come confermato nel corso della presentazione dei dati ai nove mesi, a fine anno si posizionerà nella parte alta del range tra 3,6 e 4,2 miliardi di euro” si legge nella odierna. Per quanto riguarda però la bottom line, la compagnia assicurativa ha precisato che oggi non è possibile fare una previsione in quanto dipenderà dall’andamento dei mercati azionari.

Stm ha perso lo 0,33% a 7,60 euro. A condizionare la performance dell’azione l’annuncio del Fondo strategico d’investimento che sta trattando in esclusiva per acquistare la partecipazione del 10,9% che il gruppo Areva detiene nell’azienda italo-francese di componenti elettronici per 695 milioni di euro. Fsi ha messo sul piatto 7 euro per azione, un livello inferiore alle attuali quotazioni di Stm. Ubs ha suggerito che una fusione Fiat-Chrysler prima dell’Ipo del gruppo di Detroit potrebbe essere abbastanza attraente per gli azionisti di Fiat. Un’aggressiva ma realistica tabella di marcia potrebbe essere utile per ripagare i prestiti governativi nel primo trimestre, consolidare Chrysler nel secondo ed effettuare l’Ipo nel terzo trimestre. Il broker elvetico ha aumentato il target price di Exor a 28,50 euro dai precedenti 25,60 euro confermando il rating buy. E così a Piazza Affari il titolo Exor ha guadagnato lo 0,56% a 23,21 euro, mentre Fiat è arretrata dello 0,62% a 14,48 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Borse Usa di poco sopra la parità. Seduta da dimenticare per Tiffany

Wall Street in lieve territorio positivo in attesa della pubblicazione dei verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve. A poco più di due ore dalla chiusura degli scambi, il Dow Jones sale dello 0,2%, lo S&P segna un +0,07% e il Nasdaq un +0,1…

MERCATI

Borse europee poco mosse. O’Leary ottimista sui conti di Ryanair

Borse europee in sostanziale parità in una seduta povera di spunti. In attesa delle minute dell’ultima riunione della Fed e della riunione dell’Opec, oggi è stata la volta di Mario Draghi che, nel corso di una conferenza, ha rimarcato che il contesto…

SETTORE LUSSO

Tiffany: tonfo del titolo dopo i conti, le vendite deludono

Tonfo del titolo Tiffany a Wall Street. In una seduta intonata al rialzo il titolo del gruppo dei gioielli segna un calo dell’8,7%. A pesare sull’azione le vendite trimestrali, scese su base comparabile del 3% contro l’aspettativa del mercato di un a…

MERCATI

Wall Street: partenza in rialzo, attesa per i verbali Fed

Wall Street ha avviato gli scambi in territorio positivo. L’indice Dow Jones sale dello 0,21%, l’S&P500 guadagna lo 0,18% e il Nasdaq segna un +0,08%. Gli investitori si muovono piuttosto cauti in attesa della pubblicazione dei verbali della Fed, in …

MERCATI

Borse europee poco mosse. Attesa per intervento Draghi e verbali Fed

Prevale l’incertezza in Europa, con i principali listini europei che sono in cerca di una direzione. In questo momento il Ftse 100 sale dello 0,21% a 7500 punti, mentre il Dax e il Cac40 rimangono in territorio negativo rispettivamente a 12647,2 punt…