1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in moderato ribasso: in luce Pirelli e Telecom Italia

QUOTAZIONI Eni
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha archiviato in rosso una seduta caratterizzata da un’alta volatilità, nonostante la buona intonazione mostrata nelle prime battute da Wall Street, che ha riaperto i battenti all’indomani dei festeggiamenti del Labor Day. I listini statunitensi hanno tratto beneficio dal dato sull’Ism manifatturiero Usa che ad agosto è salito a 55,7 punti rispetto ai 55,4 punti di luglio, toccando così i massimi dal mese di giugno del 2011 e superando le attese degli analisti ferme a 54 punti. Piazza Affari ha invece parzialmente snobbato le cattive notizie diffuse quest’oggi dall’Ocse, secondo cui il Pil italiano nel 2013 dovrebbe subire una flessione dell’1,8%. Se le stime dell’organizzazione dovessero essere confermate, l’Italia sarebbe l’unico Paese del G7 a chiudere il 2013 in recessione. Dal fronte obbligazionario, si sono allentate le tensioni sullo spread Btp-Bund sceso in area 240 punti base con il rendimento del Btp decennale intorno al 4,33%. Così il Ftse Mib ha ceduto lo 0,28% a 16.941,03 punti mentre il Ftse All Share ha mostrato una discesa dello 0,31% a 18.008,26 punti.

Fari puntati sul settore tlc dopo il maxi-accordo raggiunto tra Vodafone e Verizon da 130 miliardi di dollari. Telecom Italia ha così segnato un progresso dell’1,91% a 0,5605 euro. Molto bene anche Pirelli (+2,63% a 9,16 euro) dopo il rafforzamento dell’accordo commerciale con Rosneft in Russia. Protagonista anche STMicroelectronics (+1,12% a 6,345 euro) in scia all’acquisto da parte di Microsoft dei cellulari Nokia per 5,44 miliardi di euro.

Misto il comparto bancario. Focus sulla Popolare di Milano (-0,70% a 0,3835 euro) dopo che Fitch in un report ha esortato l’istituto di piazza Meda ad apportare delle modifiche alla corporate governance. In salita dell’1,64% a 3,72 euro Ubi Banca e dello 0,09% a 4,398 euro Unicredit. Giù dello 0,33% a 1,531 euro Intesa Sanpaolo, dello 0,09% a 5,63 euro Bper e dello 0,18% a 1,098 euro Banco Popolare. Male anche Mediobanca (-0,79% a 4,772 euro) e Monte dei Paschi di Siena (-0,14% a 0,2207 euro).

Negativa Eni (-0,97% a 17,35 euro), nonostante la nuova scoperta presso il prospetto esplorativo Agulha, situato nell’ Area 4 nell’offshore del Mozambico.