Piazza Affari chiude in moderato ribasso, Fiat maglia nera. Deboli le banche

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 20/11/2012 - 17:42
Quotazione: UNICREDIT GROUP
Quotazione: INTESA S.PAOLO
Quotazione: FCA CHRYSLER
Quotazione: SNAM
Quotazione: CNH INDUSTRIAL
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in moderato ribasso in attesa di conoscere le decisioni dell'Eurogruppo, riunito a Bruxelles, sulla nuova tranche di aiuti in favore della Grecia. Ad inizio seduta ha pesato la decisione di Moody's di tagliare la tripla A della Francia, confermando l'outlook negativo. Questa mattina il Tesoro di Madrid ha collocato titoli a 12 e 18 mesi per 4,94 miliardi di euro, oltre il top del range previsto e con rendimenti stabili. Nel pomeriggio il listino milanese si è allontanato dai minimi intraday grazie anche al dato sui nuovi cantieri per la costruzione di unità abitative negli Stati Uniti, che ad ottobre si sono attestati a 894 mila unità contro le 863 mila precedenti. Gli analisti avevano previsto 840 mila unità. In questo quadro lo spread Btp-Bund è sceso sotto quota 350 punti base, mentre a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,25% a 15.269 punti.

Fiat ha indossato la maglia nera sul paniere principale con un ribasso del 4,99% a 3,314 euro in scia al downgrade di Ubs, che ha tagliato il giudizio sul Lingotto a neutral da buy. Seduta in rosso anche per la controllante Exor (-3,82% a 18,37 euro) sulla quale Ubs ha abbassato la raccomandazione a neutral da buy. Di contro Fiat Industrial ha svettato sul Ftse Mib con un rialzo del 2,31% a 8,43 euro che ieri ha presentato un'offerta migliorativa per la fusione con la controllata CNH. Deboli i titoli del comparto bancario all'indomani dell'incontro tra Bankitalia e i principali istituti del Paese: Popolare di Milano ha ceduto il 3,05% a 0,365 euro, Ubi Banca l'1,79% a 2,75 euro, Mediobanca il 2,25% a 4,256 euro, Monte dei Paschi l'1,51% a 0,201 euro, Banco Popolare l'1,23% a 1,125 euro, Intesa SanPaolo l'1,05% a 1,22 euro, Unicredit lo 0,98% a 3,452 euro. Snam (+0,66% a 3,362 euro) positiva all'indomani dell'accordo siglato in Qatar tra il Fondo strategico della Cassa Depositi e Prestiti e la Qatar Holding per la costituzione di una joint venture denominata "IQ Made in Italy Venture.
COMMENTA LA NOTIZIA