Piazza Affari chiude in moderato rialzo, domani missione Ue-Fmi a Dublino -2-

Inviato da Redazione il Mer, 17/11/2010 - 17:46
Exor (+3,17% a 21,17 euro) ha aggiornato i massimi storici sopra quota 21 euro grazie al forte interesse sui titoli di casa Fiat (-0,31% a 13,06 euro), innescato dalla conferma dell'Ad Sergio Marchionne sui progetti relativi a Chrysler, Ferrari e Magneti Marelli. Nella notte, il Ceo del Lingotto ha presentato la nuova 500 per il mercato americano a Los Angeles e ha ulteriormente ribadito i progetti emersi nei giorni scorsi dalle indiscrezioni degli analisti: il manager ha dichiarato che la fusione Fiat-Chrysler è una possibilità, così come la valorizzazione di Ferrari e di Magneti Marelli.

Contrastato il comparto bancario. La migliore del settore è stata Mediobanca che ha registrato un balzo dell'1,59% a 7,36 euro. In positivo anche Ubi Banca (+0,35% a 7,15 euro) e Popolare di Milano (+0,87% a 2,89 euro). Il Banco Popolare ha terminato la seduta piatto a 3,447 euro, mentre sono scivolate in rosso Monte dei Paschi (-0,27% a 0,918 euro), Intesa SanPaolo (-0,21% a 2,33 euro) e Unicredit (-0,47% a 1,70 euro). Da segnalare il forte rialzo di Tenaris (+4,05% a 16,17 euro), mentre A2A (-0,19% a 1,073 euro) si è confermata sotto pressione dopo aver perso ieri quasi 3 punti percentuali. Moody's ha tagliato ieri l'outlook su A2A a negativo da stabile, confermando il rating A3, in scia ai risultati del terzo trimestre pubblicati dalla multiutility lombarda. Il taglio di outlook "riflette la persistente debolezza del profilo finanziario di A2A, in aggiunta alle deboli prospettive che circondano l'industria energetica in Italia".
COMMENTA LA NOTIZIA