Piazza Affari chiude in moderato rialzo, bene il settore dell'energia. Giù le banche

Inviato da Alberto Bolis il Mer, 09/04/2014 - 17:41
Quotazione: A2A
Quotazione: UNICREDIT GROUP
Quotazione: ENEL
Quotazione: INTESA S.PAOLO
Quotazione: YOOX
Piazza Affari ha chiuso in rialzo con il Ftse Mib che ha guadagnato lo 0,23% a 21.717 punti, comunque distante dai massimi intraday toccati a 21.887 punti. Questa sera l'attesa è per la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione della Federal Rserve, quando la Banca centrale statunitense ridusse di altri 10 miliardi di dollari il suo piano mensile di acquisto asset portandolo a 55 miliardi di dollari. Piazza Affari si è comunque ripresa dopo un inizio incerto complice lo scivolone di Tokyo, che ha pagato l'apprezzamento dello yen dopo che la Bank of Japan ha deluso le attese di chi si aspettava nuovi stimoli di politica monetaria. Il clima resta comunque improntato alla cautela anche dopo le recenti dichiarazioni di esponenti della Bce che hanno raffreddato l'entusiasmo su un eventuale quantitative easing da parte dell'istituto di Francoforte.

Gli acquisti hanno premiato i titoli del comparto energetico. I colossi pubblici, Eni e Enel, hanno guadagnato rispettivamente lo 0,71% a 18,26 euro e l'1,42% a 4,136 euro. A2A (+1,69% a 0,931 euro) tonica in scia alle parole del direttore generale Renato Ravanelli che in un'intervista a Bloomberg ha dichiarato che il business plan sarà approvato in autunno e prevede un Ebitda 2016 in crescita rispetto a quello previsto per quest'anno. Enel Green Power ha mostrato un progresso dell'1% a 2,016 euro dopo aver terminato la costruzione del terzo ed ultimo impianto del complesso eolico Cristal, nello stato brasiliano di Bahia, nella località di Morro do Chapéu. Sul Ftse Mib ha svettato con decisione Yoox (+6,34% a 24,97 euro) recuperando terreno dopo aver perso nell'ultimo mese oltre 25 punti percentuali. Le banche sono finite sotto la lente di Goldman Sachs. La preferita di Goldman è Intesa SanPaolo (-0,47% a 2,494 euro), promossa a conviction buy dal precedente neutral in scia alla relativa stabilità e alla politica di dividendi annunciata durante la presentazione del piano strategico. Unicredit (-2,43% a 6,405 euro) e Popolare di Milano (-3,47% a 0,723 euro) sono state entrambe bocciate da Goldman Sachs a neutral dal precedente giudizio d'acquisto dopo la recente sovraperformance a Piazza Affari.
COMMENTA LA NOTIZIA
Superspazzola scrive...
giocar46 scrive...
giocar46 scrive...
 

A2A

A2a