Piazza Affari chiude in deciso ribasso, male banche e FonSai -1-

Inviato da Redazione il Lun, 01/11/2010 - 17:40
Quotazione: FONDIARIA-SAI
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in deciso ribasso, affossata dalla performance negativa del settore finanziario. Dopo un inizio in rialzo, favorito dal Pmi manifatturiero cinese oltre le attese, il listino meneghino ha perso progressivamente terreno. Non hanno certo aiutato i dati americani sulla spesa e il reddito personale di settembre, quest'ultimo ha segnato il primo ribasso (-0,1%) dal luglio 2009. Domani e dopo tutti i riflettori saranno rivolti verso gli Stati Uniti: prima le elezioni di mid term, dove Obama arranca negli ultimi sondaggi, poi l'atteso nuovo piano di quantitative easing della Federal Reserve. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto l'1,24% a 21.184 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dell'1,08% a quota 21.809.

Fondiaria-Sai è scivolata sul fondo del paniere principale con un tonfo del 5,16% a 8,09 euro. Secondo gli operatori, che stanno cercando di capire come si evolverà la mossa di Salvatore Ligresti di aprire le porte del suo gruppo a Groupama, si tratta di prese di beneficio dopo il rally che venerdì ha interessato il titolo. Venerdì scorso Premafin, la holding della famiglia Ligresti che controlla Fondiaria-Sai, ha raggiunto un accordo con il sesto gruppo assicurativo transalpino, per un aumento di capitale da 225 milioni di euro al termine del quale i francesi avranno in mano una quota del 17%. Sul mercato però si è già cominciato a ragionare su quali siano le reali intenzioni della presa del gigante francese delle polizze sulle preziose controllate assicurative dell'ingegnere: tra gli operatori si è fatta largo la convinzione che i francesi possano avere interessi ben più forti in seguito all'aumento di capitale.
COMMENTA LA NOTIZIA