1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in deciso rialzo, tornano gli acquisti sulle banche

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in deciso rialzo accelerando sul finale di seduta con l’indice Ftse Mib che ha chiuso con un progresso dell’1,88% a 20.795 punti. Buoni riscontri sono arrivati ancora una volta dagli Stati Uniti: il Pil del secondo trimestre è cresciuto del 4,6%, meglio del +4,2% della rilevazione precedente, mentre la fiducia dei consumatori calcolata dall’Università del Michigan si è confermata a 84,6 punti, ai massimi dal luglio 2013. Questa mattina il Tesoro italiano ha collocato tutti i 7 miliardi di euro di Bot a 6 mesi ad un rendimento dello 0,232%, in salita dallo 0,136% dell’asta di fine agosto. La domanda ha sfiorato i 13 miliardi di euro con un rapporto bid-to-cover in crescita a 1,85 dal precedente 1,63. La prossima settimana l’attenzione sarà rivolta soprattutto al board della Bce che si riunirà giovedì 2 ottobre.

Sono tornati gli acquisti sul comparto bancario: Banco Popolare ha guadagnato il 4,17% a 11,47 euro, Montepaschi il 2,68% a 1,032 euro, Popolare dell’Emilia Romagna il 3,17% a 6,17 euro, Intesa SanPaolo il 2,70% a 2,428 euro, Ubi Banca il 4,85% a 6,48 euro, Unicredit il 2,22% a 6,21 euro. Nella galassia del Lingotto spunto di CNH Industrial che ha mostrato un balzo del 5,02% a 6,27 euro. Giornata volatile invece per Fiat (+0,43% a 8,045 euro) che stamattina si era spinta fino a quota 8,20 euro. L’attesa degli investitori è tutta per lo sbarco a Wall Street di Fiat Chrysler Automobiles (Fca), in programma il prossimo 13 ottobre. Tonica Mediaset (+1,33% a 3,032 euro) in scia alle parole del presidente Fedele Confalonieri riprese ieri dalle principali agenzie di stampa a margine di un convegno. Su un’eventuale alleanza tra Mediaset e Telecom Italia, Confalonieri ha dichiarato che tutto può essere aperto, se ne parla da decenni anche se è più facile a dirlo che farlo. Scatto di Telecom Italia (+1,86% a 0,93 euro) nel finale dopo che Ben Ammar, al temine del Cda, ha dichiarato che Telecom non sta cercando un compratore e l’ipotesi avanzata ieri dai media sul possibile interesse da parte di Trujillo non è reale.