1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in deciso rialzo, Ftse Mib sopra 16.100 punti. Banche ben comprate -1-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in deciso rialzo all’indomani della decisione della Fed di mantenere i tassi d’interesse a livelli “eccezionalmente bassi” almeno fino alla fine del 2014. Il listino milanese ha sfruttato l’asta di questa mattina del Tesoro italiano che ha emesso sul mercato Ctz a 3 anni per 4,5 miliardi di euro. Il rendimento dei titoli si è attestato al 3,763%, in calo rispetto al 4,853% registrato nell’asta dello scorso 28 dicembre e le richieste hanno superato il quantitativo offerto di 1,714 volte. Di conseguenza si sono allentate le tensioni anche sul secondario, dove lo spread Btp-Bund è sceso in area 410 punti base e il rendimento del bond decennale italiano ha toccato un minimo intraday sotto il 6%. A favorire il sentiment positivo anche il balzo del 3% degli ordini di beni durevoli a dicembre negli Usa, oltre le attese che indicavano +2%. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha guadagnato l’1,71% a 16.111 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell’1,57% a quota a 17.034.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

WALL STREET

Borse Usa partono deboli, l’outlook spinge Big Lots

Dopo aver aggiornato i massimi storici, Wall Street parte debole in vista del weekend lungo a causa del Memorial Day (lunedì prossimo mercati chiusi). Nei primi scambi il Dow Jones segna un rosso dello 0,07% mentre S&P500 e Nasdaq scendono entrambi d…

MERCATI

Banche e oil continuano a penalizzare le borse europee

Rosso di mezzo punto percentuale per l’indice Stoxx 600, penalizzato dalle vendite che stanno colpendo il comparto bancario (-1,31% per l’indice di riferimento), gli energetici (-1,16%) e l’automotive (-0,99%).

All’indomani del meeting dell’Opec …