Piazza Affari chiude in deciso rialzo, bene le banche. Tonfo di Fiat

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 30/09/2014 - 17:40
Quotazione: LEONARDO FINMECCANICA
Quotazione: UNICREDIT GROUP
Quotazione: ENI
Quotazione: INTESA S.PAOLO
Quotazione: FCA CHRYSLER
Piazza Affari ha chiuso in deciso rialzo con il mercato che ormai aspetta solo la riunione della Bce di giovedì soprattutto dopo i riscontri odierni dell'inflazione nell'area euro. A settembre i prezzi sono scesi allo 0,3% dallo 0,4% di agosto, il livello più basso degli ultimi cinque anni. La reazione del mercato non si è fatta attendere con l'euro che è sceso sotto quota 1,26 dollari, ai minimi da oltre due anni nei confronti del biglietto verde. Nel terzo trimestre la moneta unica ha ceduto quasi l'8% rispetto al dollaro. Ora l'attesa è quindi per la Bce con Mario Draghi che potrebbe indicare nuove misure contro il rischio deflazione. La scorsa settimana lo stesso Draghi ha ribadito che la Bce è determinata nell'implementare la propria azione di stimolo alla risalita dell'inflazione con la possibilità di mettere in atto ulteriori misure non convenzionali di stimolo monetario. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha guadagnato l'1,78% a 20.892 punti.

Acquisti sulle banche che ieri avevano vissuto una seduta sotto pressione: Banco Popolare ha guadagnato il 3,56% a 11,63 euro, Montepaschi il 3,77% a 1,044 euro, Popolare dell'Emilia Romagna il 4,56% a 6,30 euro, Mediobanca il 3,26% a 6,81 euro, Ubi Banca il 4,47% a 6,66 euro, Unicredit il 2,79% a 6,26 euro. Seduta tonica per i colossi pubblici dell'energia: Eni ha mostrato un progresso del 2,16% a 18,87 euro, mentre Enel è avanzata dell'1,84% a 4,202 euro. Finmeccanica ha guadagnato il 2,25% a 7,705 euro con la stampa nazionale che ha ribadito che per il polo trasporti del colosso pubblico sono rimaste in gara le cinesi Cnr-Insigma e la giapponese Hirtachi, mentre sono state scartate la spagnola Caf e la francese Thales. Fiat (-3,41% a 7,64 euro) è scivolata sul fondo del Ftse Mib dopo essere finita nel mirino della Commissione Ue per il trattamento fiscale in Lussemburgo e Irlanda. Per quanto riguarda il Lingotto i dubbi di Bruxelles riguardano il trattamento fiscale in Lussemburgo di Fiat Finance & Trade, società che si occupa del finanziamento e della tesoreria del Lingotto.
COMMENTA LA NOTIZIA