Piazza Affari chiude in deciso rialzo, bene le banche. Brillano Saipem e Finmeccanica

Inviato da Alberto Bolis il Lun, 18/11/2013 - 17:40
Quotazione: LEONARDO FINMECCANICA
Quotazione: SAIPEM
Quotazione: ENEL
Quotazione: INTESA S.PAOLO
Quotazione: BANCO POPOLARE
Piazza Affari ha chiuso in deciso rialzo mettendo a segno la migliore performance in Europa. L'indice Ftse Mib ha guadagnato il 2,24% a 19.105 punti trascinato dalle banche e dagli spunti di Finmeccanica e Saipem, non risentendo degli acconti sul dividendo staccati da Terna, Tenaris e Mediolanum. Da segnalare a Wall Street i nuovi record per il Dow Jones, sopra quota 16.000 punti, e per l'S&P 500, oltre la soglia dei 1.800 punti. Massimi storici anche per il Dax in scia alle indicazioni positive arrivate dalla Bundesbank che nel suo report mensile si è detta fiduciosa per un rafforzamento della congiuntura tedesca nei prossimi mesi. In Italia il premier Enrico Letta ha dichiarato che il 2014 sarà un anno decisivo e in settimana sarà presentato l'atteso piano di privatizzazioni. Infine questa mattina da sottolineare il rally delle piazze cinese dopo le riforme economiche annunciate da Pechino.

Gli acquisti hanno premiato i titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha guadagnato il 6,11% a 1,371 euro, Ubi Banca il 3,58% a 5,04 euro, Mediobanca il 2,94% a 6,31 euro, Unicredit il 3,23% a 5,28 euro, Popolare di Milano il 3,12% a 0,449 euro, Intesa SanPaolo il 3,06% a 1,751 euro. Le indiscrezioni di stampa hanno trainato Saipem (+4,41% a 18,45 euro) e Finmeccanica (+4,76% a 5,50 euro). Secondo il Corriere Economia AgustaWestland, controllata di Finmeccanica, avrebbe vinto una gara per 16 elicotteri in Norvegia del valore di circa 1 miliardo di euro. Seduta sotto i riflettori per Enel che ha chiuso con un rialzo del 2,37% a 3,372 euro. Durante il fine settimana, il Corriere della Sera ha scritto sulla riorganizzazione delle partecipate in Sud America parlando anche dell'ipotesi di delisting di Endesa. Telecom Italia (+1,11% a 0,682 euro) rimane uno dei titoli più seguiti a Piazza Affari. In controtendenza Terna che ha indossato la maglia nera lasciando sul parterre l'1,44% a 3,548 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA