1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari chiude in corsa, scatto di Telecom Italia e Poste

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Pronto recupero per Piazza Affari dopo l’avvio debole di ottava. I mercati si sono mossi con circospezione in una settimana povera di indicazioni macro. Torna a preoccupare l’andamento dell’obbligazionario con i Treasury di nuovo sotto pressione: il rendimento del decennale è tornato sui massimi a oltre 4 anni e le vendite sono state cospicue soprattutto nel tratto breve della curva in vista delle prossime aste (totali 240 mld $ nel corso della settimana).

L’indice Ftse Mib ha chiuso in progresso dello 0,46% a quota 22.673 punti.

Regina di giornata Telecom Italia con un balzo del 3% a 0,7186 euro. L’appuntamento del 6 marzo, con conti 2017 e presentazione del nuovo piano 2018-2020, è nel radar degli investitori che aspettano buone indicazioni per il business domestico e il tanto chiacchierato annuncio sullo scorporo della rete. Gli analisti si mostrano positivi su Telecom Italia con Mediobanca Securities che oggi ha confermato outperform sul titolo con target price ambizioso a 1,30 euro. Giudizio “accumulate” da parte di Banca Akros che pone il prezzo obiettivo a 1,12 euro. Tra i più ottimismi BofA Merril Lynch che ha reiterato il rating buy con prezzo obiettivo a 1,60 euro, più del doppio rispetto ai livelli attuali. Secondo la banca d’affari statunitense il nuovo piano sarà un importante catalyst con in grado di aggiungere valore per 0,69 euro tra spin-off (0,58 euro) e risparmi costi tramite esuberi (0,09 euro).
Acquisti anche su Poste Italiane (+1,71%) che ieri sera ha diffuso i conti 2017 che hanno evidenziato un utile netto salito dell’11% a 689 milioni di euro, mentre i ricavi hanno segnato un +1% a 33,4 miliardi. Proposto un dividendo di 0,42 euro per azione, in aumento del 7,7% rispetto al 2016.
Sul fronte opposto seduta difficile per Snam (-0,63%) e Italagas (-1,13%). Strappa il segno più Terna (+0,13%) che ha chiuso il 2017 con ricavi pari a 2,25 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 2,1 miliardi dell’anno prima, e un Ebitda salito da 1,54 a 1,6 miliardi. Gli investimenti hanno superato quota 1 miliardo contro i 900 milioni del 2016. L’indebitamento finanziario netto ammonta a circa 7,8 miliardi, in calo di circa 0,2 miliardi rispetto all’anno prima per effetto soprattutto della buona generazione di cassa.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Articolo IV sull'Eurozona

Fmi, monito all’Italia: “Introduca salario minimo”

L’Italia deve introdurre un salario minimo nelle regioni, potenzialmente differenziato. A scriverlo il Fondo monetario Internazionale del rapporto Articolo IV sull’Eurozona in cui fornisce una serie di raccomandazioni al nostro …

Osservatorio sul precariato dell'Inps

Inps: crescono assunzioni nei primi cinque mesi, +9,8%

Crescono le assunzioni nel periodo gennaio-maggio 2018 secondo i dati contenuti nell’Osservatorio sul precariato dell’Inps, riferiti ai soli datori di lavoro privati. Il dato segna un +9,8% rispetto ad un …