1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari chiude in buon rialzo sospinta dalle banche, -29% i diritti di Saipem legati ad aumento

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in rialzo riprendendosi dopo un inizio difficile in scia al nuovo crollo della Borsa cinese. La risalita del petrolio, con il Wti che nella notte era sceso sotto la soglia dei 30 dollari al barile, ha favorito il rimbalzo delle Borse europee che hanno sfruttato anche la buona vena di Wall Street. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso con un rialzo dell’1,51% a 18.923 a punti.
Banche popolari in rally in scia al ritorno delle voci sul risiko: Banco Popolare ha guadagnato il 6,2% a 8,98 euro, Popolare di Milano il 2,5% a 0,787 euro, Popolare dell’Emilia Romagna il 5,83% a 5,895 euro, Ubi Banca l’8,56%. Brillante performance anche per Unicredit che ha segnato un progresso del 3,96% a 3,886 euro, mentre Mps è finita ancora sotto pressione lasciando sul parterre il 3%. Secondo giorno di aumento di capitale tinto di rosso per Saipem: il titolo ha perso l’1,03% a 0,62 euro, mentre i diritti sono crollati con un -29,11% a 2,084 euro. Il gruppo ha inoltre annunciato di aver firmato un secondo Memorandum of Understanding (MoU) per una possibile collaborazione su progetti relativi a pipelines in Iran. Da segnalare la brillante performance di FCA che ha chiuso la seduta con un rialzo del xxx a euro.
Male Generali (-3,14% a 14,15 euro) che nel pomeriggio ha virato con decisione in ribasso ed è stata anche congelata dagli scambi per alcuni minuti. Il titolo della compagnia assicurativa è scivolato dopo che il sito de Il Sole 24 Ore ha rilanciato i rumors di un imminente addio dell’amministratore delegato, Mario Greco.