Piazza Affari chiude ancora in territorio negativo, Ftse Mib cede l'1,5%. Vola Bpm -2-

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 22/11/2011 - 17:42
Finmeccanica (+0,27% a 3,01 euro) ha chiuso in territorio positivo dopo l'ennesimo tonfo registrato nella seduta di ieri in scia agli ultimi sviluppi del'inchiesta Enav. Nell'ultima settimana il titolo del colosso pubblico ha lasciato sul parterre circa 30 punti percentuali, mentre da inizio anno il tonfo è pari al 70%. Tra i titoli peggiori da segnalare Azimut (-6,31% a 5,49 euro) e Stmicroelectronics (-5,39% a 4,456 euro). Debole il settore oil in scia ad un articolo del Financial Times secondo cui Saudi Aramco, la compagnia nazionale saudita di idrocarburi, avrebbe deciso di non procedere con il piano di investimenti da 100 miliardi di dollari che porterebbe la produzione dell'Arabia Saudita a 15 milioni di barili al giorno entro il 2020 dall'attuale target di 12 milioni di barili. E così a Piazza Affari Eni ha mostrato una flessione dell'1,90% a 15 euro, mentre Saipem ha ceduto l'1,21% a 29,39 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA