Piazza Affari centra il rimbalzo, Fiat e Stm in grande spolvero -1-

Inviato da Redazione il Gio, 18/11/2010 - 17:43
La Borsa di Milano è rimbalzata in scia al rally di Wall Street, galvanizzata dal ritorno in Borsa di General Motors. Oltre le attese i dati macro statunitensi: le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione si sono attestate a 439 mila, mentre il Philadelphia Fed di novembre è schizzato a 22,5 punti. Oggi i rappresentanti dell'Unione Europea, del Fondo monetario internazionale e della Banca Centrale europea erano a Dublino per analizzare i conti irlandesi e sul mercato si sono allentate le tensioni che hanno caratterizzato le sedute degli ultimi giorni. Le autorità irlandesi hanno mostrato un'apertura verso un possibile piano di salvataggio europeo. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato l'1,17% a 20.880 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell'1,14% a quota 21.481.

Fiat ancora in grande spolvero con un rialzo del 3,52% a 13,52 euro dopo la presentazione della nuova 500 negli Stati Uniti e l'apertura dell'Ad Sergio Marchionne ("se offrissero 20 miliardi mi siederei al tavolo") alla possibile cessione del marchio Alfa Romeo. Ma l'intero comparto europeo dell'auto ha beneficiato del ritorno a Wall Street di General Motors, al termine di un maxi collocamento da circa 23 miliardi di dollari. All'inizio delle contrattazioni, il titolo della casa di Detroit ha superato i 35 dollari, l'8% in più rispetto al prezzo di collocamento (33 dollari). L'Ipo dovrebbe portare 4 miliardi di dollari nelle casse di GM e la quota del Tesoro, attualmente al 61%, scenderà sotto il 30%. Più cauta la performance di Exor, la holding che controlla Fiat, che ha comunque chiuso con un +1,75% a 21,54 euro. Segnali di ripresa da parte del comparto bancario: Unicredit ha guadagnato l'1,76% a 1,73 euro, Mediobanca il 2,31% a 7,53 euro, Popolare di Milano il 3,20% a 2,987 euro, Monte dei Paschi l'1,14% a 0,929 euro, Ubi Banca lo 0,77% a 7,20 euro, Intesa SanPaolo lo 0,43% a 2,34 euro, Banco Popolare lo 0,07% a 3,45 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA