Piazza Affari cenerentola d'Europa, pesano i bancari

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 22/01/2010 - 17:38
Finale d'ottava ancora in affanno per la Borsa di Milano che è risultata fanalino di coda tra le principali Borse europee appesantita dalla giornata difficile del comparto finanziario. L'indice Ftse Mib ha ceduto l'1,35% a quota 22.567,81 punti.
Dopo le parole di ieri del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, sulla riforma del sistema finanziario volta a frenare le grandi banche e l'eccessiva attività di trading, oggi han tenuto banco le possibili ripercussioni sulle banche italiane. Secondo Equita Sim, la stretta di Obama rafforza l'ipotesi che le stime di consensus sui trading profit futuri siano troppo elevate.

A fine giornata Intesa Sanpaolo ha ceduto il 3,02% a 2,895 euro. Flessioni superiori ai 2 punti percentuali per Unicredit, Mediobanca e Mediolanum. La peggiore tra i bancari è stata ancora una volta Bpm (-3,48%9 , scivolata ai minimi da agosto dopo un'ottava decisamente negativa a seguito della fredda accoglienza al nuovo business plan.
COMMENTA LA NOTIZIA