1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari cauta, Renzi chiede la fiducia alla Camera

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari apre le contrattazioni in moderato ribasso, con l’indice Ftse Mib che viaggia con un calo dello 0,32% a 20.412 punti. Tranquillo anche il mercato obbligazionario con lo spread Btp-Bund, ossia il differenziale tra i rendimenti dei titoli di stato decennali italiani e tedeschi, si attesta infatti poco sopra quota 195 punti, sostanzialmente in linea con i valori della vigilia, con il rendimento del Btp decennale che si attesta al 3,62%. Oggi l’appuntamento in mattinata è con le aste italiane dei titoli di Stato: il Tesoro collocherà 2-2,5 miliardi di Ctz a dicembre 2015 e 0,5-1 miliardo di Btp indicizzati all’inflazione a settembre 2018.

“Ok il Senato, adesso la Camera. Poi si inizia a lavorare sul serio. Domani scuole, lavoratori, imprenditori, sindaci a Treviso”. Così twitta alle prime ore del mattino il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dopo aver incassato la fiducia del Senato giunta in nottata. I sì sono stati 169, i contrari 139. Oggi tocca alla Camera. Alle 10 inizia la discussione e il voto è atteso nel tardo pomeriggio.

Sul listino meneghino focus su Finmeccanica (-0,34% a 7,155 euro) dopo che la controllata AgustaWestland si è aggiudicata commesse per un valore complessivo di circa 260 milioni di euro per elicotteri destinati a impieghi commerciali e governativi da parte di clienti di diversi Paesi tra cui Stati Uniti, Brasile, Regno Unito e Giappone. Le commesse sono state siglate durante il Salone internazionale Heli-Expo 2014 in California.

Monte dei Paschi positiva (+0,33% a 0,1811 euro) dopo aver incassato la promozione da parte di Hsbc che ha alzato il giudizio a neutral dal precedente underweight, all’indomani degli aggiornamenti dell’inchiesta sulla banda del 5% che vede indagati da parte della Procura di Siena 11 tra ex funzionari e broker finanziari di Mps per aver messo in piedi una truffa da 47 milioni di euro ai danni di Rocca Salimbeni. Oggi intanto l’attesa è per la sentenza della Cassazione sul caso Nomura.

Sotto i riflettori Cir (+1,35% a 1,125 euro). Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, le banche starebbero studiando un piano B per Sorgenia che deve fare i conti con 1,86 miliardi di debiti. Oggi dovrebbe proseguire il summit delle banche e lo scenario più probabile è la conversione del debito in capitale, con gli istituti di credito che diventerebbero così socie di Sorgenia. Mps risulta essere la banca più esposta con 600 milioni di debiti.