1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari, brusca frenata sul “sell on news”: Azimut sale su dati raccolta, lettere su Bper Banca

QUOTAZIONI Ubi BancaIntesa SanpaoloBper BancaAzimut
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I mercati azionari del Vecchio Continente si sono lasciati alle spalle una seduta caratterizzata, per dirla con il gergo degli analisti, dal più classico dei “sell on news”. Dopo i rally che hanno seguito l’affermazione di Emmanuel Macron nel primo turno delle elezioni francesi, ieri i listini azionari hanno accolto la notizia della vittoria del candidato liberale nel ballottaggio con un fragoroso arresto.

Dopo un breve sussulto di euforia nei minuti iniziali della seduta, i principali indici del Vecchio Continente hanno concluso la giornata in territorio negativo, un movimento determinato “dal riposizionamento dei fondi sull’azionario europeo”, ha commentato un analista interpellato dalla redazione di Finanza.com.

Medesima dinamica sul secondario dei titoli di Stato, dove in chiusura lo spread BTp-Bund a dieci anni è tornato sopra i 180 punti base. “Sono stati raggiunti dei turning point importanti e nelle prossime sedute il Bund potrebbe tornare in area 161,50-75”, ha aggiunto l’esperto.

In questo quadro Piazza Affari ha chiuso in ribasso del -0,259% con l’indice FTSE Mib a 21.428,1 punti. Unico spunto rialzista di rilievo è arrivato su Azimut, +1,87% a 19,05 euro, incoraggiato dai dati sulla raccolta netta di aprile, positiva per 278 milioni di euro, raggiungendo quota 2,5 miliardi di euro da inizio anno. Fra gli altri acquisti, in ordine sparso a livello settoriale, chiude con un guadagno dello 0,35% a 2,85 euro Intes
a Sanpaolo, mentre Unipol porta a casa un +1,13% a 4,31 euro.

Chiusura pesante per Bper Banca, -2,49% a 5,09 euro, seguito da UBI Banca, -1,43% a 4 euro, CNH Industrial, -1,59% a 9,88 euro, e Campari, -1,25% a 5,53 euro.