Piazza Affari brinda ai dati macro americani, Tenaris spicca il volo -1-

Inviato da Redazione il Ven, 06/05/2011 - 17:40
Quotazione: FTSE MIB
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in rialzo, accelerando dopo la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro statunitense. Ad aprile, negli States, sono stati creati 244 mila posti di lavoro nel settore non agricolo, con gli analisti che avevano pronosticato una crescita di 185 mila unità. Si è invece interrotto il trend discendente del tasso di disoccupazione che si è riportato al 9% dall'8,8% del mese precedente quando aveva toccato i minimi degli ultimi 2 anni. Le attese erano per un livello invariato. Ieri la Bce aveva lasciato i tassi invariati all'1,25% e Trichet ha fatto capire che non verranno alzati durante la prossima riunione di giugno. Dichiarazioni che hanno avuto un riflesso sul forex, dove l'euro ha perso la recente forza nei confronti del dollaro. Sullo sfondo resta la crisi del Portogallo, che ha ormai raggiunto un accordo con Ue-Fmi per un piano di aiuti triennale da 78 miliardi di euro. Resta però l'incognita Finlandia, che minaccia di non approvare il piano per Lisbona. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,98% a 21.953,76 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell'1,02% a quota 22.694,4 punti.

Tenaris ha svettato sul paniere principale con un balzo del 5,25% a 16,84 euro in scia ai conti del primo trimestre: i ricavi sono aumentati del 42% a 2,32 miliardi di dollari e un Ebitda in salita del 31% a 571 milioni. "Complessivamente ci sembra un trimestre discreto, con una migliore crescita dei volumi seamless che ha guidato l'extra performance rispetto alle stime", ha scritto Equita aggiungendo che "sul 2011 proiettiamo un Ebitda di 2,7 miliardi di dollari incorporando soprattutto una forte crescita dei volumi (+23%) ed un recupero di redditività legato soprattutto ad un miglior mix".

Denaro sul comparto bancario: Unicredit ha guadagnato l'1,76% a 1,675 euro alla vigilia della settimana dei conti. Il consensus degli analisti indica per il primo trimestre di UniCredit un utile netto in crescita a 614 milioni di euro. È quanto pubblicato sul sito della banca di Piazza Cordusio, che un anno fa aveva archiviato la trimestrale dello stesso periodo dell'anno con un risultato netto di 520 milioni di euro.
COMMENTA LA NOTIZIA