1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari: banche sotto pressione, ben comprate FCA e Leonardo

QUOTAZIONI Leonardo
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A metà seduta i mercati azionari europei consolidano le performance positive fatte registrare nel corso della mattinata, con tutti gli indici ad eccezione del FTSE Mib che guadagno oltre l’1 per cento. In questo quadro anche Piazza Affari ha però reagito con compostezza al risultato referendario, con il FTSE Mib che si mantiene sopra quota 17mila punti, in calo dello 0,4%. A soffrire maggiormente sono i titoli bancari, con il duo Banco Popolare e Bpm sospese più volte nel corso della sessione per eccesso di ribasso.

L’istituto veronese al momento cede il 5,5% a 1,87 euro, mentre la banca milanese al momento indossa la maglia nera del listino, con una perdita del -6,47% a 0,29 euro. Vendite che hanno interessato anche UniCredit, -4,65% a 1,98 euro, nonostante il management abbia mostrato la ferma volontà di procedere con il piano di dismissioni strategiche, ufficializzando proprio questa mattina l’avvio di negoziati esclusivi con la francese Amundi per la cessione di Pioneer.

Intanto a Rocca Salimbeni nuova riunione del Cda del Monte dei Paschi (-1,7% a 19,16 euro) per fare il punto sull’operazione di aumento di capitale. Acquisti invece sui titoli esposti al dollaro, per coprirsi da un eventuale perdita di valore dell’euro. Ecco quindi che salgono FCA, +4,30% a 7,51 euro, Leonardo-Finmeccanica, +3,15% a 12,76 euro, Buzzi Unicem, +2,26% a 20,36 euro e Moncler, +2,54% a 15,73 euro.