1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari abborda area 20.500 punti: record storici per Brembo, banche con il fiatone

QUOTAZIONI Bper Banca
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari archivia la mattinata praticamente sul filo della parità, con l’indice FTSE Mib che non lascia il mordente in area 20.500 punti. La prima parte di giornata è stata condita dalla serie di dati macroeconomici relativi alla produzione manifatturiera dei principali Paesi dell’Eurozona e dal dato relativo al mercato del lavoro.

Secondo i dati diffusi da Markit, l’indice Pmi Manifatturiero italiano a marzo è salito sui massimi da 6 anni (marzo 2011). Nel dettaglio, la rilevazione finale del mese appena concluso ha praticamente confermato quanto emerso nella lettura flash ovvero un indice a 55,7 punti, sopra i 55 punti di febbraio e i 54,9 punti del consensus.

Sempre nella penisola ancora una notizia buona questa mattina, sul fronte del lavoro. A febbraio il tasso di disoccupazione è sceso all’11,5%, 0,3 punti percentuali in meno rispetto al mese precedente, quello giovanile cala di 1,7 punti, attestandosi al 35,2%.
Tornando al listino azionario, sono tante le storie societarie che animano gli scambi a Milano. Brembo conferma lo stato di salute di una delle migliori blue chip del panorama internazionale e sale sui massimi storici a 71,45 euro con un guadagno che supera i tre punti percentuali.

Ben comprate le azioni A2a, +2% a 1,447 euro, dopo le indiscrezioni del fine settimana sull’apertura del dossier per creare la multiutility della Lombardia. Pochi e circoscritti i ribassi, in particolar modo all’interno del bancario. Bper Banca ancora la peggior blue chip, lascia sul parterre l’1% a 4,63 euro, seguita da UBI Banca, -0,88% a 3,566 euro, e UniCredit, -0,89% a 14,32 euro.