Piano Usa per rilanciare l'economia: Miller (Friedman), manca di trasparenza e incisività

Inviato da Redazione il Mer, 11/02/2009 - 12:26
Il piano messo a punto dal governo americano per stabilizzare il sistema finanziario è un passo nella giusta direzione, ma non è ancora abbastanza. Questo il commento dell'analista della casa d'investimento Friedman Billings Ramsey, Paul Miller. Secondo l'esperto "il piano non risolve la mancanza di fiducia sulle Borse, che guida le valutazioni di mercato", spiega l'esperto nella nota. Miller dice inoltre di essere preoccupato del fatto che il piano non è abbastanza focalizzato sugli asset tossici delle banche. Per risanare la finanza verranno spesi fino a 2 mila miliardi di dollari dal Tesoro Usa e dalla Fed. Gli investitori già ieri non hanno apprezzato l'eccessiva approssimazione di questa misura che punta a rilanciare il credito e sostenere i proprietari di immobili e piccola impresa. "Nonostante il piano vada nella direzione giusta, manca della trasparenza necessaria per riportare la fiducia sul sistema finanziario", taglia corto Miller, che conclude dicendo: "Avremmo preferito vedere che il governo prendesse iniziative più incisive fin da subito".
COMMENTA LA NOTIZIA