1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Piaggio, la rottura delle resistenze a 2,11 euro spingono il titolo verso i 2,25 euro

QUOTAZIONI Piaggio
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Impostazione grafica interessante per il titolo Piaggio. Le azioni del gruppo di Pontedera quest’oggi hanno infatti violato al rialzo le resistenze statiche di breve rappresentate dai top intraday dell’1 e del 2 febbraio a 2,10 e 2,11 euro. Il segnale di acquisto assume una valenza ancor più significativa alla luce delle altre indicazioni grafiche emerse nell’ultimo periodo. Nella fattispecie il riferimento è alla strategica violazione delle resistenze dinamiche espresse dalla trendline discendente tracciata con i massimi decrescenti del 14 novembre e del 5 dicembre avvenuta con la progressione dello scorso 25 gennaio. Un ulteriore segnale di acquisto è giunto il giorno successivo con l’incrocio sul daily chart dal basso verso l’alto delle medie mobili a 14 e 55 periodi. A riprova della strategicità delle vecchie resistenze dinamiche fornite dalla linea di tendenza menzionata in precedenza è giunto con i minimi intraday del 30 gennaio: in quell’occasione le azioni hanno portato a termine il pull back della violazione. Considerando anche questo elemento tecnico, il titolo appare a questo punto avere tutte le carte in regola per sfruttare la ripartenza intrapresa dai supporti statici di area 1,655 euro, livello lasciato in eredità dalla serie di top segnati a cavallo tra l’agosto e l’ottobre 2009. Il target più naturale sembra essere il consistente livello resistenziale posto in prossimità dei 2,25 euro. La soglia in questione, la cui violazione del 21 novembre ha spinto velocemente il titolo verso i minimi del 19 di dicembre, rappresenta una soglia strategica per il titolo Piaggio sin dal giugno 2010. Solo con chiusure di seduta oltre i 2,31 euro il quadro tecnico farebbe registrare un nuovo deciso segnale di forza. La consistenza dalla soglia menzionata tuttavia fa propendere per una chiusura dell’eventuale operatività long impostata esattamente in prossimità dei 2,25 euro. In quest’ottica, chi volesse sfruttare la forza odierna del titolo può mettersi in acquisto a 2,11 euro. Con stop sotto i 2,05 euro, il primo target è a 2,20 euro mentre il secondo è a 2,25 euro.