1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Peugeot sul fondo del Cac40 dopo bocciatura Credit Suisse, debole anche Renault

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Un inizio di settimana difficile per Peugeot-Citroen. Fin dai primi scambi il titolo del gruppo automobilistico francese ha preso a scivolare al ribasso fino a toccare il fondo del paniere Cac40. In questo momento l’azione guida in ribassi delle blue chip parigine, con un calo del 4,61% scambiando a 20,385 euro. A deprimere Peugeot è la bocciatura arrivata oggi da Credit Suisse. Il broker svizzero ha tagliato il rating da outperform a underperform e il target price da 26 a 20 euro. Una sforbiciata decisa dettata dalle previsioni per l’anno prossimo. Nel 2010 Credit Suisse prevede un calo delle vendite del 12% e una ripercussione sul bilancio del gruppo per la fine degli incentivi statali. Di riflesso, anche l’altra casa automobilistica d’Oltralpe, Renault, prende la strada dei ribassi, seguendo a ruota la collega. Il titolo Renault passa di mano a 32,06 euro, evidenziando un calo del 3,74%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

WALL STREET

Borse Usa partono deboli, l’outlook spinge Big Lots

Dopo aver aggiornato i massimi storici, Wall Street parte debole in vista del weekend lungo a causa del Memorial Day (lunedì prossimo mercati chiusi). Nei primi scambi il Dow Jones segna un rosso dello 0,07% mentre S&P500 e Nasdaq scendono entrambi d…

MERCATI

Banche e oil continuano a penalizzare le borse europee

Rosso di mezzo punto percentuale per l’indice Stoxx 600, penalizzato dalle vendite che stanno colpendo il comparto bancario (-1,31% per l’indice di riferimento), gli energetici (-1,16%) e l’automotive (-0,99%).

All’indomani del meeting dell’Opec …