Peugeot Citroen diventa ora franco-cinese

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Psa Peugeot Citroen, secondo maggiore gruppo automobilistico francese, ha voltato ufficialmente pagina. In occasione dei risultati finanziari per il 2013 il gruppo ha formalizzato l’ingresso nel capitale dello Stato e del costruttore di auto cinese Dongfeng con un aumento di capitale complessivo per 3 miliardi di euro. “La partnership con Dongfeng è una partnership unica che ci permetterà di giocare un ruolo di primo piano in Asia”, ha commentato Jean-Baptiste de Chatillon, direttore finanziario di Psa. Sempre oggi Peugeot Citroen ha alzato il velo sui conti 2013, archiviati con una perdita per 2,3 miliardi di euro contro il rosso di 5 miliardi registrato nel 2012. La perdita operativa si è attestata a 177 milioni, in miglioramento rispetto al risultato negativo per 560 milioni del 2012, mentre il giro d’affari della società transalpina ha mostrato una flessione del 2,4% a 54,1 miliardi di euro a causa della debolezza del mercato europeo.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…