1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Petrolio sale del 2% in scia a balzo domanda cinese e tensioni Iraq

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I forti dati cinesi e l’emergere di tensioni in Iraq contribuiscono oggi al rally del petrolio, già ben impostato alla luce del calo delle scorte Usa. Il future WTI sale dell’1,88%, a 51,55 dollari al barile, mentre il Brent avanza del 2%, a $57,40.

I dati cinesi sulla importazioni di petrolio che, nel periodo compreso tra gennaio e settembre sono state in media di 8,5 milioni di barili al giorno, per poi salire fino a 9 milioni di barili al giorno, a settembre.

Focus anche sulle tensioni in Iraq. I curdi starebbero dispiegando circa 6000 peshmerga nella regione di Kirkuk in Iraq, ricca di petrolio, da dove parte l’oleodotto che va in Turchia e consente ai curdi di avere ingenti profitti.

Ieri l’EIA ha reso noto che le scorte di petrolio sono scese nell’ultima settimana di 2,7 milioni di barili, a 462,22 milioni di barili.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RECUPERO DEL POUND

Forex: deboli dati non deprimono la sterlina

Recupero per la sterlina sul forex con cross gbp/usd tornato sopra quota 1,42 dopo la debolezza della vigilia a seguito dell’inflazione più debole del previsto a marzo (+2,5% annuo, sui …

INFLAZIONE UK AI MINIMI A UN ANNO

Forex: sterlina affonda dopo debole inflazione UK

La battuta d’arresto per l’inflazione britannica si fa sentire sulla sterlina che si muove in forte ribasso contro le altre principali valute. Il cross tra sterlina e dollaro è sceso …