Petrolio: quotazioni in calo, pesano i dati sulla crescita europea

Inviato da Luca Fiore il Mar, 16/08/2011 - 12:12
Rosso di 1 punto percentuale per il future sul greggio con consegna settembre, che dopo i massimi da due settimane quotano in area 87 dollari il barile. I prezzi pagano pegno alle indicazioni sotto le attese arrivate dai dati sulla crescita economica europea. Nel secondo trimestre l'Eurozona ha messo a segno un +0,2% trimestrale (consenso +0,3%) mentre il dato relativo la sola Germania ha registrato un +0,1% congiunturale, contro il +0,5% atteso dagli analisti.

La domanda globale di greggio potrebbe risentire anche delle minori richieste cinesi, visto che secondo gli analisti del Conference Board la crescita nel trimestre in corso dovrebbe scendere al 9,2 per cento, dal 9,5% precedente. Con il greggio in calo, gli investitori stanno continuando a puntare sull'oro, che sale dell'1,3% a 1.781,6 dollari. Questa mattina il fixing londinese si è attestato a 1.779 dollari l'oncia, in crescita rispetto ai 1.739 dollari di questa mattina.
COMMENTA LA NOTIZIA