1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Petrolio: quotazioni ai massimi da 3 mesi sopra i 93 dollari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Un’altra seduta positiva per i prezzi del greggio. Il derivato con consegna dicembre quotato al Nymex in questo momento avanza del 2,6% portandosi a 93,64 dollari il barile. Dopo più di tre anni le quotazioni del Wti sono hanno superato la fase contango per dare il via a quella backwardation. In genere la prima condizione (i prezzi per le scadenza più vicine sono inferiori rispetto a quelle per le scadenze più lontane) si verifica quando la presenza di costi aggiuntivi (come il trasporto o lo stoccaggio) grava sul prezzo dei derivati mentre il backwardation (i prezzi per le scadenze più ravvicinate sono superiori ai prezzi futuri) presuppone la difficoltà del mercato a soddisfare la domanda.

In questo momento le scorte statunitensi segnano un calo di quasi il 10% rispetto ad un anno fa ed il dato relativo Chushing, l’hub dove il petrolio statunitense entra nelle condutture del nord-America, mette a segno un rosso del 20%. Secondo le stime i dati sugli stock settimanali che saranno diffusi domani dovrebbero evidenziare una crescita di 200 mila barili.