Petrolio: la propensione al rischio spinge le quotazioni

Inviato da Luca Fiore il Ven, 14/10/2011 - 17:09
Il Wti si mette in scia dei listini azionari. La propensione al rischio che sta spingendo al rialzo i mercati azionari contagia anche le quotazioni del petrolio statunitense che vede il derivato con consegna novembre salire del 2,8% a 86,6 dollari il barile. La pubblicazione del dato statunitense relativo le vendite al dettaglio, salite a settembre dell'1,1% mensile, ha permesso alle quotazioni di toccare un massimo di seduta (e di settimana) sopra quota 87 dollari a 87,28. Nell'ultima ottava il prezzo del Wti ha registrato un rialzo del 4,27%.
COMMENTA LA NOTIZIA