1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Petrolio: prezzi del greggio ripiegano dopo apertura Wall Street, pesano stime Eia sulla produzione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Apertura su di giri per Wall Street con l’indice Dow Jones che contro ogni più rosea previsione aggiorna i massimi storici all’indomani della vittoria di Donald Trump alle presidenziali americane. Con l’apertura di Wall Street peggiora però il quadro delle quotazioni del petrolio. L’aggiornamento delle stime dell’Eia di questa mattina ha contribuito al ripiegamento dei prezzi del barile.

L’agenzia energetica ha alzato le stime sulla produzione di petrolio per i Paesi non-Opec. Secondo i dati snocciolati dall’Agenzia nel 2017 l’offerta di petrolio dovrebbe subire un incremento di circa 500mila barili al giorno a causa della spinta propulsiva di Paesi come Brasile, Canada, Russia e Kazakhistan. La maggior spinta, secondo gli esperti, dovrebbe arrivare dalla Russia, con un incremento atteso di circa 190mila barili al giorno.

In questo quadro il future sul Wti perde circa l’1,59% a 44,55 dollari mentre il barile di Brent è scambiato a Londra a 45,78 dollari, in flessione dell’1,25 per cento.