Petrolio: l'Opec non cambia le quote, Brent sotto i 64 $

Inviato da Redazione il Mar, 12/09/2006 - 08:42
Nessun cambiamento nel tetto della produzione petrolifera, che rimarrà a 28 milioni di barili al giorno. Lo ha dichiarato a Vienna il ministro dell'Energia algerino Chakib Khelil alla riunione dei Paesi produttori dell'Opec. Il prezzo del Brent intanto è sceso per la prima volta dopo cinque mesi sotto la soglia dei 64 dollari al barile. I contratti sul future con consegna ad ottobre al Nymex di New York hanno terminato gli scambi in calo dell'1% a 65,56 dollari. A raffreddare le quotazioni del greggio sono soprattutto i segnali incoraggianti che giungono dal Medio Oriente, insieme al rafforzamento delle scorte energetiche americane e al rallentamento dell'economia globale. Ma se la situazione internazionale è in grado di tranquillizzare i mercati, il Codacons ha lanciato ieri una nuova offensiva contro le compagnie: mentre il petrolio è calato nelle ultime settimane del 16,5%, il prezzo della benzina è sceso solo del 7,5%. Da qui, la richiesta alle Procure di "attivarsi per capire le cause di tale dannosa doppia velocità ed aprire delle indagini per aggiotaggio verificando le responsabilità commesse".
COMMENTA LA NOTIZIA