Petrolio, light crude in rialzo del 2% al Nymex

Inviato da Laura Vezzoli il Lun, 07/08/2006 - 16:56
Non dà cenni di cedimento la scalata odierna del prezzo del greggio. A poco
più di mezz'ora dall'apertura delle contrattazioni sul Nymex, i future sul
light crude con scadenza a settembre raggiungono quota 76,26 dollari al
barile, in rialzo di oltre un dollaro e mezzo rispetto al prezzo di chiusura
della scorsa ottava (+2%). A far schizzare in alto il prezzo dell'oro nero
è la notizia della chiusura degli impianti in Alaska controllati da British
Petroleum e partecipati in misura minore anche da Exxon e ConocoPhillips. Il
giacimento in cui questi operano è il più grande degli Stati Uniti: da solo
fornisce infatti circa 400mila barili al giorno, l'8% della produzione
d'oltreoceano. Dalla società britannica intanto non giungono rassicurazioni:
British Petroleum infatti non è stata in grado di dire quando gli impianti
potranno tornare ad una normale operatività.

COMMENTA LA NOTIZIA