1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Petrolio: Iea, gli Usa verso l’autosufficienza energetica

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli Stati Uniti diventeranno il primo produttore di greggio entro il 2017. A dirlo è l’Agenzia Internazionale dell’Energia (Iea, International Energy Agency) che stima che la poderosa crescita della produzione di greggio da fonti non convenzionali in pochi anni permetterà agli Usa di diventare i primi produttori di oro nero. Secondo l’Iea entro il 2030 “gli Stati Uniti, che attualmente importano il 20% del fabbisogno energetico, diventeranno quasi autosufficienti”.

Attualmente gli Stati Uniti sono tra i pochi Paesi a veder crescere la produzione petrolifera, salita in media di circa 500 mila barili giornalieri negli ultimi cinque anni. Secondo il Dipartimento dell’energia a stelle e strisce la produzione nel 2013 passerà da 6,3 a 6,8 milioni di barili giornalieri, il livello maggiore degli ultimi 20 anni. Il calo delle importazioni di prodotti energetici ridurrà il deficit della bilancia dei pagamenti. Secondo le stime preparate da Hsbc un -25% delle importazioni di greggio da qui al 2020 potrebbe far scendere il totale di 85 miliardi di dollari, quasi il 20% dell’attuale disavanzo.