1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Petrolio, Goldman Sachs alza outlook WTI e Brent. Prevista ulteriore backwardation in 2018

La view contrasta con quella di Citigroup, che si è invece dichiarata bearish, dunque ribassista, prevedendo che l’Opec e altri paesi come il Canada, il Brasile, la Russia e gli …

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Goldman Sachs è bullish sui prezzi del petrolio, almeno fino al 2018, ed è convinta anche che la situazione di backwardation, oltre a proseguire, si intensificherà.

Si ricorda che la backwardation è quella condizione particolare in cui il valore dei futures a breve termine è più elevato rispetto a quello dei contratti con consegna più nel lungo termine.

Riguardo alle nuove stime, Goldman Sachs ha alzato l’outlook sui prezzi del Brent nel 2018 da $58 a $62, mentre quello per il WTI è stato portato da $55 a $57,50.

La divisione di ricerca del colosso bancario Usa ha motivato la decisione con l’impegno dei paesi Opec-non Opec, confermato nella recente riunione di Vienna, a continuare nella strada dei tagli.

Sulla base di questo assunto, Goldman prevede un rialzo dei prezzi del crude fino a +9%, nel corso dei prossimi 12 mesi, stando al report appena diffuso.

La view contrasta con quella di Citigroup, che si è invece dichiarata bearish, dunque ribassista, sul petrolio, temendo che l’Opec e altri paesi come il Canada, il Brasile, la Russia e gli Stati Uniti potrebbero invece decidere di aumentare l’offerta.

A tal proposito, qualche perplessità sul rispetto degli impegni non tanto da parte dell’Opec ma degli altri produttori non appartenenti al cartello è stata mostrata anche dagli analisti della banca Usa, che hanno sottolineato tuttavia come altri paesi che producono gas di scisto potrebbero iniziare ad aumentare l’output e a rispondere a prezzi più alti del petrolio entro il 2019.

Detto questo, la previsione sull’offerta di petrolio da parte dell’Opec e della Russia, nel 2018, è stata tagliata di 350.000 barili al giorno, a 44,3 milioni.

 

Commenti dei Lettori
News Correlate
IMMATRICOLAZIONI AUTO EUROPA

Auto: Acea, mercato europeo cresce di oltre il 5% a giugno

Giugno positivo per il mercato dell’auto in Europa. Stando ai dati diffusi qualche minuto fa dall’Acea, nell’Unione Europea più le nazioni aderenti all’Efta sono state immatricolate 1.618.985 autovetture, con un …

GLI APPUNTAMENTI IN AGENDA

Market mover: l’agenda di martedì 17 luglio

Numerosi gli appuntamenti macro da monitorare oggi. In primo piano i dati sul mercato del lavoro britannico, gli ordini e fatturato industriale in Italia e infine la produzione industriale negli …

World Economic Outlook

Dazi, alert Fmi: “Pesanti azioni sul trade”

Le tensioni in corso tra Usa e Cina aumentano la probabilità di un’escalation della guerra dei dazi e di pesanti azioni sul trade. A dirlo l’ultimo aggiornamento del World Economic …

Apertura borsa New York

Wall Street: avvio cauto, Dow a + 0,5%

Cauta l’apertura di seduta di oggi di Wall Street con il Dow che sale dello 0,5% e grande attesa degli investitori per le trimestrali. Dopo i primi minuti di scambi …