1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Petrolio, il future Wti di febbraio ha un’impostazione ribassista

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Se nel medio periodo il quadro grafico del petrolio si mantiene positivo, la candela disegnata nel corso della seduta del 6 gennaio sembra avere implicazioni ribassiste nel breve termine per il petrolio. Le quotazioni dell’oro nero hanno infatti tagliato dall’alto verso il basso la media mobile a 14 periodi con una black candle dal corpo particolarmente consistente venuta dopo un’altra candela tipicamente di inversione del trend come l’Hanging Man. Il minimo del 7 gennaio ha invece trovato momentaneo sostegno nei supporti mobili della media a 55 periodi, tuttavia l’aver abbandonato la soglia psicologica dei 90 dollari ha implicazioni negative nell’immediato. Non bisogna infatti dimenticare che il petrolio arriva da un periodo caratterizzato da una rapida ripresa della quotazioni, passate dal minimo del 23 novembre a 80,89 dollari ai top della prima seduta del 2011 a 92,58 dollari. In base a queste considerazioni è dunque possibile implementare una strategia ribassista in caso di rimbalzo delle quotazioni in area 89,35 dollari. Con stop posizionato a 90,80 dollari, il primo target è all’altezza di 86,80 dollari. Il secondo è invece a 85,50 dollari.