1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Petrolio, Fugnoli: istruzioni per l’uso

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Da qualche settimana fare la guardia a un bidone di petrolio rende il 15% annualizzato senza rischi. Lo può fare chiunque. Ed è un fatto molto rassicurante per l’economia e le Borse”. E’ il messaggio, che lancia oggi Alessandro Fugnoli, capoeconomista di AbaxBank. Ecco le sue istruzioni per l’uso. Per investire in modo accorto, senza rimanere scottati. “Sono la 17:56 di mercoledì 27 aprile. Si può comperare sul Nymex petrolio con consegna giugno a 52.45 dollari e venderlo per settembre a 54.80. E’ un’operazione chiusa. Il greggio può andare domani a 70 o a 30 dollari, ma i 2,35 dollari di differenza non ve li toglie più nessuno”, spiega nella nota uscita oggi e raccolta da Spystocks Fugnoli. “L’operazione è esente da rischio, ma non è esente da qualche fastidio. Bisogna, infatti, ritirare in giugno il greggio fisico a New York o a Rotterdam, metterlo da qualche parte, assicurarlo e poi riconsegnarlo in settembre al futuro proprietario. I broker e i back office impazziranno di gioia per l’opportunità di imparare finalmente qualcosa di nuovo e collaboreranno con letizia ed entusiasmo. Rimarranno però delusi quando scopriranno che è tutto molto più semplice di come appare. Non c’è bisogno di camion o di petroliere, non ci si sporca e c’è solo un giro di e-mail”, aggiunge. Se ci fosse in giro ancora qualche scettico, Alessandro Fugnoli asserisce che “non bisogna nemmeno essere iscritti all’albo mondiale dei petrolieri, ma bisogna comunque tirare fuori dei soldi per lo storaggio e per l’assicurazione”. La spiegazione è semplice: l’utile annualizzato, detratte le spese, può superare il 15% se il volume è alto. Morale della lezione: “non chiedeteci quanto alto perché non siamo specialisti di commodities, ma sicuramente vale la pena informarsi e approfondire. Per farsi una cultura. Molti hedge fund e banche d’investimento se la sono fatta e la stanno usando”.